Sorrento – Verona, le pagelle: Paulinho è da red carpet

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Ronaldo Vanin, prestazione maiuscola per il terzino brasiliano

Mancinelli 6: Dopo la giornata storta di Pavia, risponde alle critiche della tifoseria con una prestazione attenta e diligente. In questo, c’è da sottolinearlo, gli attaccanti del Verona, che tirano verso la sua porta con il contagocce, lo aiutano parecchio.

Vanin 7: Quando parte sulla corsia di destra sembra un panzer, tant’è che asfalta i dirimpettai con estrema facilità. In fase difensiva fa il suo dovere, mettendo il bavaglio a Scaglia, che non si rende mai pericoloso.
Lo Monaco 6,5: Lascia al collega di reparto Di Nunzio l’incombenza di fare a sportellate con Ferrari, preferendo tamponare sugli inserimenti da dietro dei centrocampisti scaligeri
Di Nunzio 6,5: Parte male, quasi come se gli spettri della partita di Pavia gli danzassero beffardi davanti agli occhi. Cresce alla distanza, vincendo la sua battaglia personale con Ferrari.
De Giosa 6: Nulla di eccezionale. Fa il suo compitino, attaccandosi alle caviglie di Martina Rini. (dal 44’ s.t. Angeli s.v.)

Romulo Togni, il centrocampista brasiliano ha sofferto il pressing di Halfredsson

Erpen 5,5: La giocata al 14’ con cui fa fuori tre avversari in un sol colpo e poi calcia in porta fa ben sperare i tifosi rossoneri, vogliosi di rivedere il peperino argentino di inizio stagione. Le speranze, però, risultano vane, visto che quello che va in scena con il Verona è soltanto la brutta copia dell’Erpen stratosferico di ormai qualche mese fa. (dal 47’ s.t. Camorani s.v.)
Togni 5,5: Maledetto Halfredsson. L’islandese gli si piazza dietro e non lo fa respirare, riducendone in modo sensibile il raggio d’azione. Tenta di aggirare la marcatura del mastino scaligero, ma non ci riesce
Nicodemo 6,5: Ormai il centrocampo dello stadio ‘Italia’ lo conosce meglio delle sue tasche. Senza fare gli straordinari in termini di corsa, riesce comunque a rendersi utile quando si tratta di rallentare il gioco del Verona

Il man of the match, Paulo Sergio Bettanin, in arte Paulinho

Corsetti 5,5: Inizia bene, poi cala sensibilmente alla distanza, finchè, dopo quattro minuti dall’inizio del secondo tempo si mangia un gol clamoroso sullo 0-0. Non smetteremo mai di ripeterlo: questo ragazzo è fondamentale quando entra a partita in corso, e non quando inizia dal primo minuto (dal 39’ s.t. Manco s.v.)

Carlini 6,5: Sbaglia qualche gol di troppo, non ci sono dubbi. Ma va detto, però, che fa un gran lavoro sporco quando si tratta di difendere il pallone e far salire la squadra.
Paulinho 9: Stendetegli il ‘red carpet’ dinanzi. Sua maestà Paulinho ha colpito ancora. La doppietta che stende il Verona lo proietta a quota 24 nella classifica cannonieri. Da rivedere, e rivedere, e ancora rivedere il primo gol, frutto del genio di questo calciatore. Ma anche il secondo, a tempo ormai scaduto, è da cineteca. Insomma, chapeau Paulinho!
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!