Vinaccia e Castellano a podio nell’Italiano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto Pasquale Aversa

Sorrento – Un fine settimana che sorride ai piloti della Penisola sorrentina impegnati lungo lo “stivale” italico, nelle diverse gare di slalom. Gli uomini dell’Autosport Sorrento al volante delle barchette inglesi Radical e non solo ottengono ottimi risultati.
Il driver santagatese Luigi Vinaccia, su Osella-Alfa Romeo va ancora una volta a podio nel Campionato Italiano slalom. Infatti, a Messina, nella 16^ edizione della Torregrotta- Roccavaldina, Luigi non riusciva a mantenere alle sue spalle l’amico rivale Fabio Emanuele e il compagno di squadra Sebastiano Castellano su Radical SR4-Suzuki 1500.
Il podio per due terzi è lo stesso della prima gara. Infatti, se a Massa Lubrense si era imposto Mario Gargiulo in Sicilia a spuntarla è il molisano Emanuele, già secondo in costiera, con Vinaccia che bissa il terzo posto della gara di casa e si mette all’inseguimento dell’amico Fabio, mentre sebastiano Castellano sostituisce Mario Gargiulo nel podio, ma non come piazzamento concludendo lo slalom al secondo posto.
Nella prima edizione dello Slalom del Valico di Chiunzi Ottima anche la seconda piazza assoluta ottenuta da Gaetano Coppola (Radical SR4-Suzuki 1500), gara nella quale la sfortuna si è accanita nei confronti dei piloti Radical.
Infatti nella unica manche di gara disputata, Salvatore Venanzio (Radical SR4-Suzuki 1300) è stato penalizzato dallì’abbattimento di due birilli, mentre una partenza anticipata ha tagliato le gambe a Pasqulae Coppola (Radical SR4 – Suzuki 1500). La rottura della catena ha invece fermato il giovane Andrea Ferraiuolo (Radical Prosport – Kawasaki 1200). Ottimo il debutto, al volante della barchetta d’oltremanica, di Pietro Trenga (Radical SR4 – Suzuki 1300).

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!