La Lubrensis è terza in Italia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La Lubrensis terza classificata nel Campionato Italiano di tiro alla fune ( Foto di Lello Acone)

Vico Equense – Ci ha provato sino alla fine la Asd Lubrensis, che si piazza quarta nella tappa conclusiva del Campionato Italiano di Tiro alla Fune nella categoria riservata ai 640 Kg. svoltasi al Palazzetto dello sport di Vico Equense. I bianco blu di Schiazzano hanno fatto di tutto per rompere l’egemonia della coppia Cobra Fermo – Borgo S.Vittoria, ma si sono dovuti arrendere alla tecnica dei marchigiani al termine di una combattuta semifinale.
Con sette squadre in gara: Spinetta Cuneo, alla fine terza di giornata, Faenza, Ga. Po. Mantova, Sarzana, Cobra Fermo, che si sono laureati Campioni per il settimo anno consecutivo, Borgo S.Vittoria e i padroni di casa della Lubrensis, con unica assente la  Polisportiva Ferralta di San Severino nelle Marche, una buona cornice di pubblico ha fatto da corollario alla manifestazione per la prima volta in Campania.
Chiuso il girone al terzo posto alle spalle del duo marchigiano Cobra Fermo e Borgo S.Vittoria, la Lubrensis ha provato a giocarsi tutte le carte in semifinale contro i bianco verdi. Infatti, i costieri dopo aver vinto tutti gli scontri con Spinetta, Mantova, Sarzana e Faenza per 2-0, hanno ceduto allo strapotere marchigiano senza dare fondo a eccessive energie per giocarsi tutto nella prima semifinale.
Dopo il “corda”, “tendere”, “fermi”, Via del giudice si sono dimostrati ancora una volta superiori i marchigiani per quanto abbiano

La Lubrensis in azione (foto di Lello Acone)

 dovuto sudare più del previsto per avere ragione dei padroni di casa che volevano rendere ancora più “caliente” il Palazzetto di Vico Equense. La voglia di superarsi è stata però fatale. Infatti, Spinetta è giunta alla finale per il terzo posto bella “riposata” avendo perso tatticamente contro i Cobra Fermo, così Gargiulo e compagni non sono riusciti a chiudere a podio la gara, ma sono stati comunque i terzi in Italia della categoria 640Kg.
Domenica prossima a Fermo ci saranno le fasi finali delle due categorie di 600 e 680 Kg. Nei 680 chili i massesi partiranno dal quarto posto dell’andata con un leggero pensierino al podio. Mentre sarà unica la finale dei 600 Kg.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!