Volley Serie D: Gimel è promozione, Pulcarelli in festa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Un campionato condotto dall’inizio alla fine, un successo meritato quello della Gimel Sant’Agata, che con l’ultima vittoria interna sulla Kalor Fiamma Caivano, con un rotondo e netto 3-0 chiude alla grandissima un campionato vissuto sempre al top.
Il tecnico Aversa fa il punto della stagione appena terminata partendo dai momenti più brutti.
«Sono stati due – spiega Andrea -. Il primo ad inizio campionato quando si è infortunata l’alzatrice titolare, il secondo quando abbiamo giocato contro la seconda in classifica quando eravamo in piena emergenza con molte assenti».
Tra gioie e dolori la Gimel ne ha vissute tante in una stagione che tutta la società ha dedicato al compinato presidente Rocco Aversa scomparso alla vigilia del delicato derby di ritorno contro la Apd Carotenuto.
«Sì, la vittoria è dedicata a lui – continua il mister -. Papà voleva sapere sempre tutto di noi e vedere i filmati quando andavamo in trasferta. Il momento più bello è stato sicuramente il successo ottenuto ad Avella contro la Volley Ball Primavera che ha chiuso alle nostre spalle».
Una gara senza storia quella contro la Kalor Fiamma Caivano, con le napoletane ormai penultime e le azzurre santagatesi

Il mister della Gimel Andrea Aversa

 matematicamente in C.
« È stata un partita semplice, il nostro avversario è il penultimo in classifica. Noi non avevamo nessuna aspettativa, ormai eravamo già in C – continua Aversa -. Non è successo nulla di particolare, è stata importante solo per quanto riguarda il pubblico ch’è venuto a tifare per noi».
Il tifo un fattore in più per la Gimel, ma con le dimensioni della Pulcarelli non ci siamo. Il calore è tanto che nell’ultimo impegno contro Caivano in tanti non hanno potuto assistere all’incontro. Il futuro in serie C potrebbe comportare lo spostamento da Sant’Agata verso Sorrento o Sant’Agnello. Il tecnico si affida alla Amministrazione Comunale di Massa Lubrense.
«In effetti è piccola, molte persone nell’ultima gara sono rimaste fuori la palestra perchè non c’è spazio – dice il mister -. Purtroppo la struttura è quella! Potremmo anche spostarci a Sorrento o a Sant’Agnello, ma vorremmo rimanere in paese. Stiamo aspettando la decisione degli Amministratori, speriamo magari in una nuova struttura a Sant’Agata».
Il futuro è già in C con obiettivi futuri già chiari per la Polisportiva Sant’Agata. Evitare di fare l’ascensore e consolidarsi nella massima categoria Regionale.
«Rimanere in C sicuramente – conclude Aversa -. Siamo una squadra formata da ragazze locali, e non vogliamo cambiare, perchè siamo più una famiglia che una squadra. Ci impegneremo molto in modo da essere all’altezza della serie C».

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!