Volley Ball, Amitrano:”I play-off perchè no”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il centrale d'emergenza Amitrano, qui con la maglia da libero della B1

Meta – E’ stata una gara bellissima con due squadre che non mollavano in qualunque situazione con difese al limite dell’incredibile e attacchi fulminei per mettere giù i palloni importanti del match. Nel ventireesimo turno di campionato il big match della Marone si chiude con un perentorio 3-1 in favore della compagine costiera della Volley Ball Meta. Una squadra che nelle grandi occasioni da il meglio di se e riesce a sopperire alla mancanza di esperienza con la spensieratezza dei diciotto anni.
«Ringrazio il mister della fiducia che continua a darmi anche se gioco in un ruolo non mio, do sempre il massimo – afferma Gianluca Amitrano -. Mi sacrifico volentieri per la squadra e spero di raggiungere un sogno».
Il sogno del centrale costiero si chiama play-off, ma lo dice sottovoce anche perchè il calendario non è stato benevolo con la formazione costruita dal convalescente Luigi Russo, che scalpita per tornare in panchina.
«Lotteremo sino in fondo per i play-off – continua Gianluca – ci crediamo ancora e proveremo a fare di tutto per ottenere un grande risultato».
Ha ripetuto dopo due giorni la spettacolare prova offerta dall’opposto Scialò, suo compagno di squadra in B1 lo schiacciatore Francesco Astarita, che con 24 punti a referto ha trascinato gli “all blu” al successo contro la capolista.
«Siamo fatti così – ride Astarita -. Contro le grandi squadre abbiamo delle motivazioni incredibili, poi se le cose si mettono bene ci esaltiamo e facciamo delle ottime partite».
Anche Francesco ora non nasconde di pensare alla possibilità di raggiungere gli spareggi promozione anche perchè ad attendere i costieri nel finale di campionato ci saranno tre scontri diretti, due fuori casa e uno alla Marone rispettivamente contro: Arzano e Black Lions in trasferta e Colli Aminei in casa.
«Se giochiamo come stasera abbiamo il 65% di possibilità di raggioungere l’obiettivo play-off – conclude lo schiacciatore -. Lo consideriamo un sogno, ma alle volte anche i sogni possono realizzarsi specialmente quando dipendono direttamente dalla tua volontà».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!