Sorrento, ecco perchè la remuntada non è un’utopia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
La vittoria casalinga con il Lumezzane ed il contemporaneo pareggio del Gubbio con il Pergocrema ha riacceso nell’ambiente rossonero la speranza di poter raggiungere la serie B dalla porta principale. Aritmetica a parte, ecco svelati i motivi per cui la ‘remuntada’ rossonera non è un’utopia.
IL GUBBIO FRENA I ragazzini terribili allenati da Vincenzo Torrente stanno cominciando ad accusare le fatiche di un intero campionato giocato a mille all’ora su ritmi sempre vertiginosi che, inevitabilmente, alla lunga richiedono un calo fisiologico, sia dal punto di vista fisico che sotto l’aspetto mentale. Dopo più di quattro mesi di vittorie consecutive (unico stop quello in casa del Ravenna), nelle ultime uscite il Gubbio ha rallentato la propria marcia, raccogliendo sei punti in quattro gare, mancando così, per la prima volta in tutta la stagione, la vittoria casalinga per due gare consecutive. A dimostrazione dell’appannamento degli eugubini basta considerare

L'allenatore del Gubbio, Vincenzo Torrente (foto tratta da www.gubbiofans.it)

le ultime uscite di Gomez e compagni: a Crema, contro il Pergo, solamente un salvataggio sulla linea di un difensore su tiro di Ricci al 90’ ha permesso alla capolista di uscire indenne dal ‘Voltini’. Altro colpo di fortuna, in zona Cesarini, nell’ultimo incontro casalingo con la Spal. Stavolta è un rigore, trasformato da Galano a due minuti dallo scadere del tempo regolamentare, a salvare gli eugubini. Un nuovo tiro dal dischetto, realizzato da Donnarumma, è valso la vittoria in casa della Reggiana lo scorso 13 marzo. Anche in quell’occasione, però, per gli uomini di Torrente la dea bendata fu un fattore in più: all’88’, infatti, il signor Irrati di Pistoia annullò a Zini il gol dell’1-1, consegnando, di fatto, i tre punti agli ospiti.

CALENDARIO PIU’ ROSEO Con sei gare ancora da disputare, tra cui lo scontro diretto del 1°maggio allo stadio ‘Italia’, anche il calendario sembra venire incontro alle volontà di ‘remuntada’ del Sorrento. Nelle prossime gare, infatti, gli eugubini affronteranno avversari tutti in lotta per i rispettivi obiettivi. A cominciare dal dopo-sosta, quando al ‘Barbetti’ si presenterà il Bassano, che culla ancora il sogno play-off. A seguire, poi, Pavia (in lotta per evitare i play-out), Lumezzane (in corsa per un posto negli spareggi-promozione), Paganese (gli azzurro stellati si giocheranno fino alla fine l’ultima piazza con il Monza), per finire, poi, all’Arechi’ con la Salernitana, di certo non una passeggiata. Il Sorrento, invece, avrà, almeno sulla carta, un calendario più agevole. Le trasferte di Pavia e SudTirol, nonostante le due squadre siano coinvolte nella bagarre dei play-out appaiono abbastanza agevoli. Dicasi lo stesso per la scampagnata alla penultima in casa dello Spezia che, calcoli alla mano, per l’8 maggio dovrebbe già essere matematicamente salvo. Stesso ragionamento per l’ultimo turno casalingo contro la Cremonese, a

Horacio Erpen è pronto al rush finale

meno che i grigio rossi non si ritrovino con la possibilità di accedere ai play-off. Resta fuori l’incontro all’Italia’ contro l’Hellas Verona. Gara da 1X2 che forse, più delle altre, sarà il vero crocevia del finale di stagione dei rossoneri.

L’INFERMERIA SI SVUOTA L’ecatombe di infortuni che ha colpito il Sorrento negli ultimi mesi sembra essersi finalmente placata. Allo stato attuale, gli infortunati sono solamente Rossi e Bonvissuto. Entrambi, con molta probabilità, saranno disponibili per la trasferta a Pavia. Il ‘prof’ Simonelli può quindi sorridere, anche perché a scalpitare c’è  Erpen, ripresosi dopo il principio di pubalgia accusato nelle scorse settimane. Con l’asso argentino al top, il Sorrento potrà ritornare a volare sugli esterni.
DIFESA IMPENETRABILE La porta difesa da Mancinelli è inviolata da 317’, un record per questa stagione. La compattezza, al di là degli uomini schierati, mostrata dal pacchetto arretrato è un segnale da non sottovalutare in questo rush finale. Non prendere gol, soprattutto ad inizio partita con la necessità poi di rimontare lo svantaggio, potrebbe rivelarsi altamente salutare, visto che, senza partenze ad handicap, si risparmierebbero energie fisiche e nervose da sfruttare poi nel momento topico della stagione.
VIA I MUSI LUNGHI Simonelli la chiama ‘leggerezza mentale’. Già durante la settimana post-Pagani nel corso gli allenamenti si è respirata un’aria diversa rispetto a quella che veleggiava dalle parti di via Califano negli ultimi due mesi. Anche chi, per svariati motivi, in passato aveva il muso lungo, negli ultimi allenamenti ha sfoggiato una tranquillità che forse solo ad inizio stagione si era intravista. Sembra un fattore marginale, ma non lo è. Gli obiettivi, qualunque essi siano, si raggiungono solo con l’armonia. Allora avanti con questa ‘leggerezza mentale’. D’altronde, per spiccare il volo, bisogna essere leggeri…
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!