Vico Equense, Cappiello:”Ci rifaremo con la Fincantieri”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vico Equense – Tirava brutta aria a Casola dopo lo scialbo pareggio a reti bianche contro il Santa Maria la Carità, ma gli strali di De Simone si sono abbattuti sui suoi ragazzi solo alla ripresa degli allenamenti. Ancora una volta chi ha avuto la sua occasione l’ha gettata alle ortiche e rischia di non vedere più campo sino alla fine del campionato. Antonio Cappiello mente della mediana azzurro oro, un po’ sottotono nelle ultime uscite, fa il pompiere.
«Alta tensione? Assolutamente no – rassicura Cappiello -. Sono state due prestazioni, quella di Agerola e contro la Carita sicuramente non al nostro livello, ma credo che nell’arco di un campionato qualsiasi squadra dalla serie A alla 3 Categoria può avere questo problema. Posso affermare che ci siamo rilassati di fronte al vantaggio di 15 punti sulla seconda. Qundi abbiamo giocato non da vero Vico».
Da Under in serie D è stato un vero giramondo, Gragnano e Bojano due delle sue squadre per tornare in costiera, Massa Lubrense, e

Antonio Cappiello in azione

 rimettersi in gioco a Vico Equense. Sa che questi due pareggi sono arrivati quando c’è stato un rilassamento incoscio, ma non voluto anche perchè il tecnico riesce a tenere tutti sulla corda sempre.
«Non credo che sia stato un calo di attenzione, perché il mister è bravissimo a farci stare concentrati 90 minuti – commenta Antonio -. Ora la squadra è ancora più carica dopo questi 2 pareggi perchè il tecnico vuole che dimostriamo che il Vico ha ancora fame di vittorie».
Il prossimo impegno vedrà la squadra costiera affrontare in casa la Fincantieri, corsara a Sant’Agnello contro il Real Massa, l’obiettivo è fissato nella vittoria per dimostrare come la squadra del presidente Savarese tenga ancora a far parlare di se.
«Dobbiamo vincere già il prossimo impegno per arrivare prima di Pasqua con la promozione matematicamente in tasca – conclude Cappiello -. Questo è l’obiettivo che tutta la squadra si è preposto. Quindi non molliamo un attimo sia in settimana negli allenamenti che in partita la domenica».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!