Real Massa, così non va

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Incappa nella seconda sconfitta consecutiva il Real Massa dei fratelli Cacace, che viene battuto di misura e in rimonta dalla Fincantieri Stabia. Dopo una prima fasi di studio, i padroni di casa iniziano a imperversare dalle parti dell’estremo difensore ospite, che deve capitolare sul colpo di testa di Ferraro. Punizione defilata, alla battuta va Cacace, che pennella il cross per la testa dell’accorrente centrale difensivo che realizza l’uno a zero.
Il Real Massa sciupa almeno tre palle goal, con Catafalco, una  e Egro, due, non riuscendo a mettere in discesa il match, subendo il pareggio stabiese allo scadere su un generoso rigore concesso dal direttore di gara.
Il secondo tempo vede un Real Massa tutto proiettato in avanti alla ricerca del successo, ma quando la gara ha da poco sorpassato l’ora di gioco la Fincantieri passa. Verticalizzazione millimetrica e fulmiea per il centravanti stabiese che controlla e trafigge in diagonale Landolfi.
Assalto all’arma bianca nei minuti finali da parte del Real Massa, ma il portiere avversario nega il pareggio superandosi sulle conclusioni di Marcello Cacace. Nel recupero l’arbitro nega al Real un rigore evidente per un fallo di mano del

Il tecnico massese Maddaloni

 centrale difensivo stabiese, che blocca con una mano un traversone destinato alla testa di Catafalco.
«Non ci possiamo permettere di regalare alla Fincantieri ben quattro uomini – commenta il mister Maddaloni -. eravamo in formazione rimaneggiata e siamo stati puniti sulla nostra unica disattenzione, ma devo evidenziare la straordinaria giornata del portiere degli stabiesi, che ci ha negato il goal in almeno quattro circostanze. Proveremo a rifarci già dalla prossima gara contro il Pianeta Sport».

Campionato di Prima Categoria girone E
Real Massa- Cral Fincantieri Stabia 1-2 (1-1)
Real Massa : Landolfi-Apicella-Persico-Gelzo-Cioffi-Ferraro-Cacace D.-Inserra-Catafalco-Cacace M.-Egro.
A disposizione: Coppola-Celentano-Mosca-Berton.
Allenatore: sig. Maddaloni
Marcatore: Ferraro (RM)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!