Lo Sporting livella l’Atletico Stabia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

San Sebastiano – E’ un pareggio beffa per lo Sporting Grifo di Luigi De Vita, quello che matura a tre minuti dal termine per un rigore inesistente che l’arbitro concede ai padroni di casa. Il presidente dello Sporting Grifo Ricciardi è chiaro sull’ultimo episodio.
«Che la Seconda Categoria non fosse un campionato per stinchi di santo lo si sapeva, ma raggiungere il livello visto oggi è davvero scandaloso – commenta il presidente giocatore -. Gli arbitri vengono puntualmente minacciati e aggrediti, aspetto il prossimo comunicato per conoscere le decisioni del giudice sportivo».
Pronti via e Sporting in vantaggio. Manzo difende bene una palla alta al limite dell’area, aggira il difensore e da posizione defilata sulla sinistra spara il solito imparabile tiro a scendere incrociando sul secondo palo. Il portiere De Falco rimane sorpreso, 1 a 0 per gli ospiti.
I padroni di casa cercano di rientrare in gara, ma a parte girare palla al largo hanno la prima colossale occasione a 15 minuti dal termine quando l’arbitro decreta un penalty per un presunto fallo di mano di Fatigati. De Sio prova a piazzare, ma angola troppo e la palla si spegne sul fondo.
Sebbene fosse la cenerentola del girone lo Sporting Grifo fa sudare le proverbiali sette camicie alla squadra di casa, che perviene al pareggio solo al minuto 30 del secondo tempo. L’azione nasce da un fallo laterale, il pallone arriva a Manna, il migliore dei suoi, che protegge e si accentra. Tiro forte di destro che riesce a superare di un niente Iervolino e si insacca preciso all’incrocio sul palo lungo.
Black-out Sporting? Neppure a parlanrne. Gli uomini di Luigi De Vita alla prima occasione riescono a passare. Ricciardi inventa,  ancora una volta, Manzo finalizza. Dal rientro l’attaccante è andato in goal tre volte in due gare.
Dopo cinque minuti di proteste da parte dei padroni di casa si riprende a giocare e qunado alla fine dell’incontro mancano soli tre minuti il secondo rigore per l’Atletico Stabia.
L’episodio – L’arbitro, visibilmente intimidito, concede un inesistente rigore per un presunto fallo di Savino, subentrato a Luigi Gargiulo, sul giocatore De Sio che è fuori area e si butta platealmente. 
A calciare il penalty, questa volta, è Borrelli che spiazza Iervolino per il 2-2 finale.
Lo Sporting comunque si è decisamente risollevato, trovando il secondo risultato utile consecutivo con due squadre di buona classifica, Real Rovigliano e  Atletico Stabia. Segno che il materiale evidentemente c’è. Prossimi impegni tutti alla portata dello Sporting che inizia ad essere consapevole delle sue potenzialità. Con il rientro di Manzo, 3 gol nelle ultime 2 partite, e una miglior quadratura difensiva la salvezza non sembra un problema.

Campionato Seconda Categoria girone L
Atletico Stabia 2008 – Sporting Grifo 2-2 (0-1)
Atletico Stabia 2008: DE FALCO, MEGLIO, FORMISANO, DE SIO, BUSSOLA, LASTRA, MANNA, POSTIGLIONE (ASTO 18’ ST), BORRELLI, ASTO, VELOTTO.
Sporting Grifo Campania: IERVOLINO, FATIGATI, CAFIERO, GARGIULO L. (SAVINO 26’ ST), GARGIULO P., MICCIO, DE VITA P., DE MAIO N.(RICCIARDI 18’ ST POI FERRARO 46’ ST.), MANZO, LIGUORI, SCAPINI.
Allenatore: sig. De Vita
Ammoniti: MEGLIO, POSTIGLIONE (ATL.); IERVOLINO, MICCIO, DE MAIO, RICCIARDI (SP.)
MARCATORI: 3’pt e 37’st MANZO (SG), 30’st MANNA (AS), 42’st BORRELLI (RIG.) (AS)

  

  

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!