Serie D: Gimel il derby è tuo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sant’Agnello – In una tendostruttura di via dei Pini gremita in ogni ordine di posti la Gimel Sant’Agata vince con merito e dedica il successo al compianto presidente Aversa scomparso poco prima del match. Non riesce l’impresa alle santanellesi della Apd che si sciolgono come neve al sole di fronte alle prime difficoltà del match, dimostrando, se ce ne fosse ancora bisogno, di non essere squadra nei momenti difficili del match.
Partenza lanciata per le padrone di casa di coach Cafiero che riescono a scavare un gap importante grazie ai tanti errori gratuiti delle santagatesi che soffrono la momentanea tensione sino al 6-2. Le azzurre di mister Aversa recuperano lentamente sino a mettere il naso avanti sul doppio vantaggio 9-11, il primo della gara e costringere al time-out Cafiero. Al rientro in campo è un monologo Gimel che raggiunge anche sei di margine (10-16), ma un improvviso black out permette alle santanellesi di accorciare e andare all’intervallo tecnico sotto di due e ridurre a uno la lunghezza di svataggio al rientro in campo. Time out Sant’Agata e gara che svolta deciso verso la città dei due golfi. Break di sei punti e controllo sino al 18-25 chiuso da Stefania Aversa.
Non cambia la musica nel secondo set, anzi la Apd si scioglie e viene massacrata dalla Gimel per 11-25. Sono troppi gli errori di Di Leva e compagne poco supportate dalla pallegiatrice che non riesce a variare il gioco in attacco, mentre in difesa la sola Daniela Savarese non può nulla sulle varie Gargiulo, Gauadagnuolo e Aversa.
Con almeno un punto in tasca sembra accontentarsi la squadra santagatese, che dopo aver allungato in avvio consente il ritorno più di nervi che di gioco delle padrone di casa sino al 17 pari anche a causa dei tanti errori delle avversarie. Ancora fuga Gimel, ritorno della Apd con due punti della Espinosa per il 22 pari. La voglia è solo della Gimel che vince grazie all’attacco di Gargiulo che chiude l’incontro sul 23-25.

Campionato di Serie D
APD Carotenuto – Gimel Sant’Agata 0-3
(18-25; 11-25; 23-25)
APD Carotenuto: Cuomo, D’Esposito 2, Di Leva 3, Espinosa 2, Iaccarino Pi 5, Iaccarino Pa 2, Marra 3, Savarese F 4, Tondo, Savarese D (L)1.
Allenatori: Cafiero – Ponticorvo
Gimel Sant’Agata: Amitrano 13, Aversa A 4, Aversa C, Aversa S 11, Casa A 2, Casa F 4, Esposito G, Gargiulo 5, Guadagnuolo 11, Palumbo, Staiano, Esposito I (L), Vinaccia (L).
Allenatore: sig. Aversa Andrea

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!