Volley speciale Derby. Gli Allenatori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il mister della Gimel Aversa (secondo da sinistra)

Sorrento – Tutto in due gare. E’ questo il destino della Gimel Sant’Agata che si gioca il campionato negli ultimi impegni di una stagione che l’ha vista in testa dall’inizio. Arbitro del destino delle cugine santagatesi la Apd Carotenuto, che nel corso del campionato ha gettato alle ortiche tante occasioni di ergersi a protagonista e battagliare per almeno la piazza d’onore, ma che nelle ultime due gare vuole consolidare la terza piazza. Protagonisti della nostra intervista doppia i due allenatori delle squadre costiere.

La Apd sarà giudice del campionato cosa ti aspetti dagli ultimi impegni della squadra santanellese?
Aversa:
«Mi aspetto ovviamente due vittorie, il derby sarà difficile, psicologicamente complicato, mi auguro di chiudere la partita vincendo i 3 set.»
Cafiero: «Mi aspetto che le mie ragazze diano il massimo in entrambe le gare. Contro la Gimel ci sarà lo stimolo in più dettato dal derby».

Che sensazioni ci sono alla vigilia della gara più importante del campionato?
Aversa:
«È difficile dire le emozioni che sta provando la squadra, sicuramente c’è molta tensione.». 

Amedeo Cafiero tecnico della Apd Carotenuto

Cafiero: «Non ho mai sentito tanta attesa come per questa gara. Anche se giuochiamo solo per il terzo posto la tensione è molto alta».

Chi temi di più delle avversarie e perchè?
Aversa:
«Non temo nessuno in particolare, ma preferisco affrontare la squadra al completo, voglio che sia una vera gara con tutti presenti, perché la vittoria sarebbe migliore».
Cafiero: «Loro sono complete in ogni reparto e fanno del collettivo la loro arma migliore, ma senza dubbio toglierei Stefania Aversa».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!