Un nuovo sport: lo Spinjitzu!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Michele Coppola e Pina Somma

Quest’oggi abbiamo assistito ad un evento veramente unico, il torneo di Spinjitzu, che proseguirà fino a stasera alle 20:00 presso l’Impianto Sportivo di Viale dei Pini a Sant’Agnello.

Un evento particolare perché unico a livello regionale. Difatti la Lego, casa produttrice delle trottole, carte e accessori necessari allo svolgimento del gioco, ha deciso di organizzare un torneo nazionale di Spinjitzu, con un’unica tappa per regione. In palio tantissimi gadget legati al mondo dello Spinjitzu.

La storia alla base del gioco è quella del saggio Sensei Wu e dei suoi quattro discepoli Ninja che sprigionano i poteri degli elementi Terra, Fuoco, Ghiaccio e Luce.

Insieme al loro mitico maestro, Jay, Zane, Kai e Cole conducono un’appassionante battaglia contro il malefico Lord Garmadon e il suo esercito di scheletri.

I poteri dei quattro ninja si sprigiona grazie all’arte dello Spinjitzu.

Carte con tanti poteri diversi, incredibili armi e soprattutto l’abilità nel far roteare le trottole in modi imprevedibili dagli avversari saranno la base per gli appassionati di questi duelli.

Gli scontri possono tenersi a 2 o a 4 giocatori, lo scopo è quello di far cadere i piccoli ninja posizionati sulle trottole degli avversari facendole scontrare con la propria. Durante il torneo ogni giocatore ha a disposizione tre carte “poteri”, tre vite, da cedere ogni qualvolta il proprio ninja cada. Il lancio delle trottole è scandito dall’esclamazione dei partecipanti “NinjaGo!!!”

L’iniziativa è stata di Michele Coppola, di Coppola Giocattoli a Sant’Agnello e di Pina Somma, di Somma Giocattoli a Castellammare di Stabia, entrambi affiliati del gruppo La Giraffa, in collaborazione con il comune di Sant’Agnello, che ha gentilmente messo a disposizione la tendo-struttura dell’Impianto Sportivo, nelle persone di Giuseppe Coppola ed Attilio Massa.

Ad accogliere grandi e piccini sin dal mattino sono delle ragazze vestite da giraffe, portate da Somma Giocattoli, che offrono a tutti popcorn e zucchero filato.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Nel pomeriggio, invece, Coppola Giocattoli ha fatto intervenire un manipolatore di palloncini per la gioia dei più piccoli.

La simpatica commentatrice è invece del gruppo di animazione “Akuna Matata” di Cagliari.

Durante la giornata sono svariati i tornei organizzati sui quattro tavoli predisposti, sedici partecipanti ad ognuno, in quanto l’iscrizione è libera e gratuita. Anche molti dei genitori hanno deciso di prendere parte alle gare, divise ovviamente per fasce d’età.

A spiegare il gioco ed a presiedere le gare c’è un team di maestri ninja in carne ed ossa, che rendono il gioco ancora più divertente.

La riscoperta dei passatempi “non-tecnologici” è stato il motivo che ha spinto la Lego a creare questo gioco e questi tornei, successivamente alla realizzazione, da alcuni anni a questa parte, di prodotti che mescolano giochi di società alle costruzioni che hanno accompagnato l’infanzia di milioni di bambini in tutto il mondo

Il torneo campano è l’unico, finora, a poter vantare la presenza di omini della Lego a dimensione umana. Sono presenti ben tre di loro, realizzati interamente con i famosi mattoncini: un imbianchino, un poliziotto ed un operaio; sono una delle maggiori fonti di sbalordimento per i bambini, ma anche gli adulti, partecipanti a questo evento.

“È bello vedere meraviglia e stupore dei bambini quando vedono queste costruzioni giganti” ha detto il signor Coppola.

Da notare che vincitrice di diversi dei tornei di oggi è Chiara L., di cinque anni, che ha dimostrato una straordinaria abilità nel lancio della trottola per una così giovane età.

Non ci resta che dire… NINJAGO!!!

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!