SGB: la nidiata di Nardo travolge la Rinascita Barrese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

San Giovanni Battista

Partita senza storia a Massaquano tra San Giovanni Battista e Rinascita Barrese. Ancora un risultato tennistico decreta la vittoria della squadra di Nardo, apparsa ancora di più, ben attenta a mettere in pratica i dettami tattici del tecnico rossoblu. Assente capitan Guida, al suo posto viene schierato nello schema di gioco Cinque, che pur dotato di una superiore caratura tecnica , non ha  le medesime qualità di interdizione del capitano. Tuttavia durante tutto l’incontro la difesa, ben guidata da Giampaolo di Palma non ha mai patito gli attaccanti barresi.
Dopo qualche minuto di studio, il pallino del gioco è nitidamente nelle mani dei rossoblu, che concretizzano la netta superiorità al 20 quando uno Alfredo Piccolo, in forma scintillante, sigla il classico gol “di rapina” sgusciando tra difensore e portiere avversari.
Tra il primo e il secondo tempo, negli spogliatoi, a causa probabilmente di un malinteso, si genera una improvvisa gazzarra tra le due squadre; è bastata la sola presenza dei tutori dell’ordine per  ridurre a più miti propositi i protagonisti; questi ultimi comunque da condannare sia da una parte che dall’altra: lo sport è ben altra cosa.
Il gioco riprende con qualche minuto di ritardo, ma il canovaccio della gara non cambia: alla distanza il SGB , con una superiore tenuta altletica , tattica e qualitativa cresce man mano che passano i minuti, mentre contemporaneamente la Barrese appare sempre più in balia dei ragazzi di Nardo. Al 55 Peppe (Locomotiv) Parlato insacca alle spalle di Casale. Cinque minuti dopo è Esposito a portare a tre le segnature della squadra di casa. Savarese si fa trovare prontissimo sull’unico tiro  pericoloso di Cacciola che il numero 1 rossoblu neutralizza con un spettacolare volo quasi all’incrocio. Nel frattempo entrano in campo altri tre “terribili” ragazzini della nidiata di Nardo: Checco Apuzzo, Alfonso Curto e Cristiano Gargiulo. Un tridente d’attacco inedito ma altrettanto devastante: i tre fanno dannare i difensori ospiti, con veloci ed imprevedibili sortite che Apuzzo sfrutta al meglio confermando la cristallina classe con due reti. Ma la segnatura più bella , è quella di  Cosimo di Paola che raccoglie un cross, toccando la palla quel tanto che basta, per superare la difesa barrese e il portiere imparabilmente: un autentico colpo di classe del diciottenne di Massaquano (anzi… Belvedere !).

SAN GIOVANNI BATTISTA – RIN BARRESE    6 – 0

SAN GIOVANNI BATTISTA: Savarese, Coppola, Del Gaudio,  Di Palma, Cinque, Starace (55 Apuzzo II),  Di Paola, Caccioppoli, Parlato (65 Gargiulo),  Piccolo, Esposito (60 Curto)
A disp. Guida L, Apuzzo I, De Rosa
Allenatore Nardo

RINASCITA BARRESE: Casale, Romano, Ariosto, Bianco, Di Napoli, Manna, Sentenza, Ciaravolo (60 Cifariello), Cacciola (80 Pagano), De Stefano, Narangio
A disp Rosa, Auriola
Allenatore Castiello

Reti: 20 Piccolo, 55 Parlato, 60 Esposito, 70 e 80 Apuzzo II, 85 Di Paola

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!