Volley Serie D, speciale Derby. Le capitane

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – In vista del derby tra la capolista Gimel Sant’Agata e la terza in classifica A.P.D. Carotenuto, Sportinpenisola ha intervistato i capitani delle due squadre, Marta Guadagnuolo e Agnese Di Leva, al fine di comprendere al meglio il clima che precede questa sfida e le ambizioni dei team.
La prima domanda rivolta ai capitani è sul tipo di avversario che si aspettano di affrontare.
Marta Guadagnuolo ha risposto: – Sono sicura che incontreremo un avversario molto motivato, perché non ha nulla da perdere, inoltre è un derby, ed entrambe le squadre vogliono fare bene.
Questa invece la replica di Agnese Di Leva: – Credo che sarà un derby molto acceso, anche perché loro verranno in casa nostra a giocarsi una buona fetta di campionato. E’ nostra intenzione far sudare alle avversarie le proverbiali sette camicie e metterle in seria difficoltà.
La seconda domanda verte sul difficile calendario dell’A.P.D. , che nelle prossime due giornate, le ultime, affronterà la prima e la

La capitana della Gimel Marta Guadagnuolo

seconda in classifica, e ai capitani è stato chiesto di pronosticare il grado d’impegno che la squadra metterà nei due match.
La Guadagnuolo risponde: -L’ A.P.D. affronterà “alla morte” le prossime due partite perché le atlete sono molto motivate, ma noi lo siamo di più, in vista della prossima gara.
Così la Di Leva: – Di certo vogliamo raggiungere il terzo posto, che rappresenta comunque un ottimo risultato alla luce del campionato disputato. Siamo fermamente intenzionate anche a rompere l’imbattibilità della capolista.
Nell’ultima domanda si chiede ai capitani cosa vorrebbero togliere alle avversarie.

La schiacciatrice e capitana della Apd Agnese Di leva

Decisa la risposta della Guadagnuolo: .- Le avversarie sono tutte valide e pericolose, ma non c’è nessuna che vorrei in squadra con me. E’ una bellissima squadra, ma non ho interesse a giocare con nessuna atleta dell’A.P.D.
La Di Leva invece risponde: – In questo momento non abbiamo nulla da perdere, non temiamo nessuno… sono loro a doverci temere!

Cristiano Vella – Marzia Di Maio

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!