Ad Agerola trionfa Nigro

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto concessa da Road Legends

Sorrento – Il ritorno al passato che ha vissuto la statale 366 è stato quello più bello. Sul nastro di asfalto che unisce Amalfi ad Agerola sono ritornate in scena le vecchie protagoniste che sino al 1990 hanno reso celebre questa strada in Italia e in Europa.
Sono stati premiati gli sforzi congiunti delle due associazioni organizzatrici: Road Legends Sorrento e del Montoro Historic Car Club, che grazie alla prima giornata primaverile di marzo ha visto divertirsi i 58 equipaggi al via.
La 2a edizione della Coppa della Primavera si e’ tenuta a 50 anni esatti dalla prima edizione della classica cronoscalata della quale porta il nome: l’Associazione Sportiva Road Legends Sorrento ha onorato degnamente una ricorrenza tanto importante, portando sui “gironi” della strada più bella del mondo alcune tra i modelli delle macchine più rappresentative delle cronoscalate di ieri e di oggi.
La gara è stata vinta da Vincezo Nigro (Lancia Fulvia HF), che ha avuto la meglio su Giuseppe Maccario (Alfa Romeo GT Junior del 1972), iscrivendo il proprio nome nell’albo dei vincitori dopo quello di Pierpaolo Gargiulo, che si è affermato nella scorsa edizione. Per Nigro la differenza è stata fatta nella seconda manches nella quale il pilota della Lancia ha ottenuto meno penalità del rivale. A chiudere il podio Antonio Amabile, portacolori della Montoro Historic Car Club, terzo con 15 penalita’.
La Scuderia Partenio domina la classifica Scuderie con 18 punti, forte anche degli ottimi quinto ed ottavo posto realizzato dagli altri due Maccario, rispettivamente Emilio su Lancia Fulvia Coupe’ ed Antonio su Porsche 911.
Nel trofeo riservato alle piccole bicilindriche della Fiat, le famosissime 500, intitolato al pilota Agostino Accadia si è imposto Giovanni Minieri del Team Road Legends Sorrento.
La voglia dei due team organizzatori è quello di riportare in auge la cronoscalata, ma l’obiettivo è già fissato per il prossimo anno quando si correrà la 3° edizione della Coppa della Primavera.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!