U19 M, la Fortitudo è un panzer

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Semplicemente devastante l’under 19 della Fortitudo che tra le mura amiche della tendostruttura ‘Tasso’ asfalta la Pro Loco Scafati ‘B’, seppellita sotto una pioggia di canestri che inchioda il tabellone sul 105-66 a favore dei biancoverdi. I ragazzi di coach Mario Marino si mettono così subito alle spalle la dolorosa sconfitta esterna della scorsa settimana nello scontro diretto con l’Arte E.Bellizzi e consolidano il loro secondo posto in condominio proprio con la squadra di Santa Maria la Carità.
LA GARA A dispetto delle aspettative nutrite alla vigilia, la Pro Loco Scafati ‘B’, penultima in classifica, si dimostra, almeno nel primo quarto, un quintetto ostico e molto cinico. La Fortitudo, che forse prende troppo sotto gamba gli avversari, fatica ad imporsi e coach Marino attinge quindi a piene mani dalla panchina per cercare di trovare la quadratura del cerchio. Il resto lo fanno il cinismo degli scafatesi e la scarsa vena dalla lunetta dei sorrentini che alla prima sirena sono sotto 17-19.
Al ritorno in campo, una tripla di Federico spiana la strada alla Fortitudo che tiene in gioco Scafati sino al 26-26, salvo poi ingranare la quinta e piazzare dei break vincenti che fanno lievitare il vantaggio sino al +13 del 41-28. Grande protagonista del cambio di passo è la formidabile difesa che costringe i gialloblu a provare, invano, da tre e lo stato di grazia di Rossi che in trance agonistica a rimbalzo diventa imprendibile e fa suoi tutti i palloni vaganti. A tagliare definitivamente le gambe a Scafati ci pensa poi Giovanni Gargiulo che sale in cattedra e guida i suoi per mano sino al 49-34 dell’intervallo lungo.
Alla ripresa delle ostilità gli scafatesi provano, timidamente, a riportarsi in partita ma per la Fortitudo è un gioco da ragazzi contenere le sfuriate degli avversari. Non paghi, i giovani cestisti di Marino infieriscono mentre Scafati si scioglie come neve al sole e, grazie ad un Rossi in versione super ed alla mano calda di Federico che inanella triple su triple, chiudono il terzo quarto con un vantaggio di 37 punti (92-55).
Gli ultimi dieci minuti di gioco sono una passerella, Rossi legittima la grande prestazione siglando il centesimo punto del match e per coach Marino arriva anche la soddisfazione di vedere a punto tutti i dodici in distinta.
PROSSIMO TURNO La prossima gara, in programma martedì 29 marzo alle 20.30, vedrà la Fortitudo impegnata al palasport ‘Andrea Di Concilio’, ospite della Polisportiva Agropoli, reduce dalla sconfitta contro la capolista Pro Loco Scafati ‘A’ ed attualmente settima in classifica con 14 punti, giusto la metà di quelli ottenuti sinora dai ragazzi sorrentini.

FORTITUDO BASKET SORRENTO – PRO LOCO SCAFATI ‘B’ 105-66 (17-19, 49-34, 92-55)

FORTITUDO BASKET SORRENTO: Rossi 24, Cascella 4, Gargiulo Gi. 16, Somma 12, Peraino 11, Saladino 6, Guarino 3, Federico 13, Di Maio 4, Gargiulo Ga. 6, Vazza 4, Cangiano 2. Allenatore: Mario Marino.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!