Msc Volley, le interviste ai protagonisti

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il centrale della Msc Volley Fabio Cuccaro

Sorrento – Una squadra che inizia a mostrare segni di maturità, questa in sintesi Msc-Matera. I padroni di casa hanno seguito alla lettera i dettami del tecnico Paolo Russo e sono riusciti a imporsi contro la sesta forza del campionato e agguantare per la prima volta, dall’inizio della stagione, l’ottavo posto in graduatoria.
«Una vittoria con dedica di tutta la squadra alla piccola Anna Paola – dice il tecnico Russo -. Era la prima volta che mia figlia veniva al palazzetto».
Al di là delle scaramanzie una gara condotta dall’inizio alla fine in cui tutti hanno dato un apporto importante nelle diverse fasi del match.
«Rispetto alla gara di Ortona siamo stati più incisivi in attacco, ma soprattutto in difesa – spiega Paolo -. Abbiamo avuto il giusto impatto alla gara senza lasciare nulla al caso. Siamo cresciuti tanto in difesa e ha fatto la differenza».
Scelte precise a muro e in battuta la tattica perfetta con cui la Msc ha ingabbiato gli avversari lucani.

Il mister Paolo Russo

«In battuta siamo stati quasi perfetti – conclude il mister costiero -. Sui loro attacchi, considerando che l’opposto Matheus fa sempre molti punti, ci siamo organizzati per chiudere bene gli schiacciatori e i centrali».
Protagonista della serata anche Fabio Cuccaro. Il centrale della Msc volley è stato determinate a muro chiudendo, spesso e volentieri, le traiettorie di attacco degli schiacciatori lucani.
«Oggi è stata una bella gara – commenta il numero nove costiero -. Abbiamo giocato una buona pallavolo, precisi in attacco con Marcello Miccio che ha chiamato in causa tutti, attenti in difesa e ricezione dove Nicola Esposito ha dato un grosso contributo, senza contare la prova di Costa anche oggi molto concreto».
Era diventato ormai un tabù il sesto posto per il rooster costiero, che dopo la vittoria con Matera aggancia l’ottava piazza in graduatoria e ha nel mirino proprio i lucani sconfitti al Palazzetto di via Atigliana. 
«Ci aspettano due gare sulla carta semplici – spiega Cuccaro -. Abbiamo Club Italia e Casagiove contro cui dovremmo ottenere due vittorie, ma guai ad abbassare la guardia perché tutte e due giocano per evitare la retrocessione. Abbiamo raggiunto l’ottavo posto e non vogliamo lasciarci scappare questo lusinghiero risultato».

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!