Le interviste post derby. I tecnici

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Francesco De Simone, primo da destra, tecnico del Vico Equense

Vico Equense – Umori differenti dopo la gara per De Simone e Maddaloni, ma a dispetto del risultato che sorride alla formazione di casa, il tecnico azzurro oro è arrabbiatissimo, mentre quello rossonero è comunque soddisfatto dalla prova dei suoi ragazzi, che hanno pagato a caro prezzo l’espulsione di Rotoli e il rigore con cui i padroni di casa hanno sbloccato il match.
«Non potevo chiedere di più ai miei ragazzi – commenta Maddaloni tecnico del Real Massa -. Loro hanno meritato di vincere senza alcun dubbio, ma la gara è stata condizionata dall’espulsione di Rotoli, che ha fatto sballare il nostro equilibrio in campo».
Una gara che il trainer massese aveva impostato nel migliore dei modi piazzando una squadra molto corta nella propria metà campo, pronta ai raddoppi su ogni portatore di palla vicano erapida nel ripartire con Inserra, Berton e i fratelli Cacace, ma non è bastato.
«In settimana abbiamo lavorato duro sotto diversi aspetti – spiega l’allenatore massese -. Siamo stati corti e abbiamo chiuso tutti gli spazi ed eravamo pronti a ripartire. Sono contento che alla fine il campionato sarà vinto da una squadra della Penisola. Infatti, il Vico ha concrete possibilità di essere promosso».

Mister Vito Maddaloni del Real Massa

Sebbene abbia vinto non è soddisfatto della prova dei suoi Francesco De Simone, che al termine della gara è un fiume in piena. Il trainer vicano già nel corso dell’intervallo era rientrato in campo dieci minuti prima dei suoi, sintomo che le cose dette nello spogliatoio erano poche, chiare e dirette.
 «Sono arrabbiatissimo per l’atteggiamento che abbiamo tenuto in campo – commenta O’Black -.ci siamo resi conto di poter vincere subito, ma abbiamo smesso di essere continui nel gioco favorendo il Real Massa che si è chiuso bene, per fortuna abbiamo trovato l’episodio che ci ha spianato la strada verso il successo».
E’ stata l’occasione per vedere in campo chi di solito gioca poco, ma l’allenatore azzurro oro non è rimasto contento della prestazione che i suoi ragazzi hanno fornito.
«Per alcuni era l’occasione per farmi cambiare idea nelle gerarchie di squadra, ma hanno fallito in toto – continua De Simone -. NOon si può essere presuntosi con una squadra che ci ha impegnato tanto per assicurarci la vittoria. Ci siamo complicati la vita da soli, anche se abbiamo provato di tutto soprattutto nella prima parte di gara variando molto il gioco».
La settimana del Vico è piena di impegni. Allenamenti a parte, infatti, gli azzurro oro saranno di scena Mercoledì al San Matteo di Agerola per il recupero di campionato contro i bianco neri.
«Sarà anche lì una battaglia – conclude Francesco -. Il campo è piccolo e ci saranno pochi spazi da sfruttare, ma dopo oggi c’è ancora un’altra gara in meno e i punti di vantaggio sono sempre dieci».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!