Msc Volley, Costa:”Battere Matera si può”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto di Luigi Parlato

Sorrento – Messa alle spalle la sconfitta contro l’Ortona la Msc Volley Sorrento di mister Paolo Russo intende ritornare al successo contro la forte squadra del Mercato dell’Oro Matera. I lucani all’andata riuscirono a superare il rooster costiero grazie a un forte ritorno in gara dal secondo al quarto parziale imponendosi per 3-1. Dotata di un forte opposto, il venezuelano José Matheus un vero globe trotter, la squadra lucana è molto esperta e ha dettato legge soprattutto nelle gare interne dove è riuscita a sovvertire anche partite importanti. Per lo schiacciatore costiero Marcelo Costa, però, nulla è scritto e i bianco blu sorrentini possono battere Matera.
«Sono una squadra molto esperta – spiega Marcelo -. Hanno un opposto di ottimo livello e tutti giocatori di categoria, ma se giochiamo come nel primo set dell’andata possiamo ottenere il successo».
Una compagine nuova per la B1, la Msc Volley ha un rooster di valore, che ha raccolto meno di quanto si ci aspettasse. Problemi di amalgama, ma anche tanti piccoli fattori, che solo in corso d’opera si è riusciti a mettere a punto.

Lo schiacciatore Marcelo Costa (foto Luigi Parlato)

«Mi sono ambientato bene – commeta Costa -. Siamo un buon gruppo che ha avuto delle piccole difficoltà in avvio e ha raccolto di meno di quello che ci si aspettava, ma aver ottenuto la salvezza, a cui manca solo la matematica, ci rende più tranquilli».
Il sesto posto agognato dal presidente Evangelista è una sorta di tabù per i costieri. Infatti, appena si focalizza l’obiettivo su un qualcosa diverso dalla salvezza arrivano inesorabili, come una scure, le sconfitte.
«Sulla carta Matera è più forte di noi, ma nulla è scritto – conclude Marcelo -. Giocando la nostra pallavolo ai massimi livelli possiamo ottenere un successo prezioso».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!