In trasferta la Fortitudo non vince più

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – La Fortitudo versione esterna non sa più vincere. I ragazzi under 19 biancoverdi, in versione trasferta, incappano nella terza sconfitta esterna consecutiva dopo quelle contro Scafati e Bellizzi e faticano a tenere il ritmo della capolista Pro Loco. La squadra di coach Marino soffre soprattutto di testa e fisico contro gli abatesi e cede nettamente negli ultimi due quarti favorendo la Borrelli che vince di 19. I Biancoverdi sofforno pesantemente, dopo l’uscita di Spagnuolo che si infortuna al ginocchio, la fisicità degli avversari non riuscendo a giocare il solito basket.
«Abbiamo perso la gara sotto il piano fisico e mentale – commenta il coach Marino -. Quando la gara è molto fisica lasciamo a desiderare, anche se gli arbitri ieri hanno tollerato molto i contatti».
Contro gli abatesi, in corso d’opera, è venuto a mancare il pivot Spagnuolo che si stava comportanto molto bene.
«Perdere il giocatore più fisico dei nostri è stata una bella mazzata – spiega Mario -, ma non accampiano scuse abbiamo giocato male e dobbiamo migliorare l’aspetto mentale se i ragazzi in futuro vorranno giocare a basket».
Un rendimento da cuore matto, questa la Fortitudo degli ultimi tempi che dalla sconfitta esterna di Scafati sembra aver smarrito la retta via.
«In casa giochiamo a mille – tuona il coach – mentre in trasferta ci sciogliamo come neve al sole. Non è un problema fisico sul quale stiamo lavorlando molto. Sappiamo di poterci giocare la fase finale alla pari con le altr, ma bisogna cambaire atteggiamento».
Le ultime due trasferte metteranno di fronte la compagine costiera ad Agropoli e Sarno, squadre che il tecnico conosce molto bene, ma che sono alla portata dei biancoverdi.
«Sono due brutti clienti, ma sappiamo che possiamo battere entrambe – conclude Marino -.Agropoli è una squadra dai risultati altalenanti che in casa abbiamo battuto a fil di sirena, Sarno è tosta e venderà cara la pelle. Dopo queste gare sapremo se siamo da secondo posto».

U19M –  Art.Borrelli Sant’Antonio – Fortitudo Sorrento 66-47
(10-11 29-23 45-37)
Fortitudo Sorrento: Federico 18, Gargiulo Ga 1, Cascella 2, Peraino 6, Guarino 3, Somma 7, Vazza, Rossi, Di Maio 4, Saladino 2, Spagnuolo 4, Gargiulo Gi.
Alleantore: sig. Marino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!