Sant’Agnello: Cagno fa felice il San Giorgio

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

San Giorgio – Il Paudice riapre e i padroni di casa del San Giorgio si impongono con lo stesso risultato con cui avevano battuto il Positano alla chiusura dei battenti lo scorso anno. Il Sant’Agnello è spazzato via con un 3-0 che non ammette repliche. La gara per i costieri è macchiata da alcune dubbie decisioni arbitrali che costringono i ragazzi di Ponticorvo a giocare con un uomo in meno per oltre settanta minuti. Passano due minuti e il giovane Inserra C viene espulso con Diego Pascucci per reciporche scorrettezze. I padroni di casa vogliono vincere i costieri intascare punti salvezza, alla fine vincono i granata di Matrullo. Con l’espulsione di capitan Bagnulo l’opera del signor Cagno di Napoli è completa e il San Giorgio spazza via gli avversari con le reti di Pascucci A, Rigione e Punzo.
A fine gara sale l’ira del presidente Negri che non le manda a dire all’arbitro della partita che, secondo il massimo dirigente costiero, ha condizionato tutto l’andamento dell’incontro.
«E’ stata una gara paradossale – commenta Negri -. Abbiamo giocato in nove per molto tempo e su un campo nuovo come il Paudice

Il tecnico del Sant'Agnello Michele Ponticorvo

 è stato davvero difficile. Ma la motivazione della seconda espulsione è davvero assurda».
Al presidente Negri si aggiunge un deluso tecnico Michele Ponticorvo.
«La gara era stata studiata nel miglior modo possibile – afferma il trainer -. Le espulsioni ci hanno condizionato anche sotto l’aspetto del gioco, ma nulla toglie che il San Giorgio ha voluto fortemente la vittoria».

Campionato Promozione girone B
San Giorgio – Sant’Agnello 3-0 (1-0)
San Giorgio: Annunziata, Raimo, Punzo, Esposito C, Prisco, De Rosa A, Cirillo (dal 15’st Mugolieri), Piccolo, Pascucci D, Pascucci A, Rigione.
Allenatore: sig. Matrullo 7
Sant’Agnello: Abbruzzese, Inserra C, De Stefano, Guarracino, Bagnulo, Incarnato, Gargiulo (dal 38’st Macarone), Inserra V (40’st Schiazzano), Vitale, Schettino ( dal 6’st Schettino), Criscuolo.
Allenatore: sig. Ponticorvo
Arbitro: sig. Cagno di Napoli
Marcatori: 38’pt Pascucci A, 19’st Rigione, Punzo.
Note: Gara giocata a porte chiuse. Ammoniti: Punzo, Incarnato. Espulsi: Pascucci D, Inserra C, Bagnulo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!