Serie D M, il sogno play-off dell’APD svanisce a Maddaloni

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Svanisce sul parquet della scuola media statale ‘De Nicola’ di Maddaloni il sogno play-off dell’APD Carotenuto. In terra casertana i ragazzi santanellesi cedono in tre set ai padroni di casa dell’ASD Red Volley, che aumenta così a sette il margine di punti di vantaggio sui costieri, fermi al palo a quota ventuno. I ragazzi allenati dal duo Pontecorvo-Cafiero recriminano per un arbitraggio chiaramente casalingo, in particolare nel terzo set, ma pagano comunque una gara pessima, forse la peggiore di tutto il campionato.
L’APD scende in campo con la diagonale al palleggio composta da Celentano M. e Sollo, al centro ci sono Souza e Carotenuto, schiacciatori di banda sono Savarese e Ruggiero mentre il ruolo di libero è occupato da Pollio. A causa di una ricezione poco attenta, la Red Volley s’impone nettamente nel primo set con il risultato di 25-18. Al cambio campo, Mattera prende il posto di Celentano in cabina di regia ed i risultati sonolampanti: l’APD è in partita fino al 23 pari, fino a quando un banalissimo errore di Savarese ed un muro vincente della formazione casertana fanno sfumare anche il secondo parziale. Nel terzo ed ultimo set, inizia lo show dell’arbitro che tra lo stupore anche dei padroni di casa della Red Volley ammonisce per proteste Sollo e Carotenuto, condannando così l’APD, nonostante la buona prova del classe 1996 Ermanno Izzo, a cedere set e partita sul 25-21.
Nel prossimo incontro, in programma sabato 26, la compagine santanellese sfiderà il Volley Ball Flyer, reduce dalla sconfitta casalinga per 3-0 per mano dell’A.S. Ischia Pallavolo. La gara con i napoletani verrà disputata in campo neutro, a causa dell’indisponibilità del palasport di Viale dei Pini.
RED VOLLEY MADDALONI – APD CAROTENUTO SANT’AGNELLO 3 – 0 (25-18 25-23 25-21)
APD CAROTENUTO SANT’AGNELLO: Celentano M. Carotenuto, Celentano L. Fusco, Izzo, Mattera, Ruggiero, Savarese, Sollo, Souza. Allenatori: Pontecorvo S. – Cafiero A.
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!