Massa Lubrense – Anacapri, le pagelle: Marino è un’ira di Dio

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il portiere Paolo Fiorentino

Fiorentino P. 6: All’intervallo ritorna nello spogliatoio con i guantoni ancora immacolati. Nella ripresa l’andazzo non cambia, fatto salvo le due marcature anacapresi su cui ha la coscienza pulita.

Siniscalchi 6,5: Preciso e puntuale negli interventi, mette la museruola a Mosca prima e D’Esposito poi, che dalle sue parti non sfondano mai.
Santini 6: Pulito ed ordinato, gestisce con la massima calma tutti i disimpegni. Si perde Di Biase in occasione del primo gol, ma è una delle poche sbavature dell’intera partita. (dal 44’ s.t. Fiorentino D. s.v.: Per lui tre minuti da difensore centrale).
De Luca 7: E’ il padrone assoluto dell’area di rigore. Con le sue lunghe leve, di testa svetta che è un piacere. Le sue diagonali a sostegno dei compagni in difficoltà sono da libro ‘Cuore’.
Gargiulo P. 6: Inizia con il freno a mano tirato ed è molto impreciso negli appoggi anche più elementari. Acquista sicurezza con il passare dei minuti, svolgendo il compitino senza mai strafare.
Tufano 6,5: Perfetto sia in fase di ripiegamento che in quella offensiva, scambia spesso e bene con Marino. Finchè ha fiato scorazza che è un piacere lungo tutto il binario destro. (dal 19’ s.t. Prestigiovanni 6: Entra e con vivacità continua nel solco tracciato dal compagno cui prende il posto).
Guitto 6: Non brilla, ma comunque fa sentire il suo peso nel cerchio di centrocampo.
Vinaccia 7: I suoi continui raddoppi sugli esterni e gli interventi maschi in mediana ormai non fanno più notizia. Sorprende, invece, l’ottima vena con cui si propone in appoggio alle punte, anche se, complice la scarsa lucidità, pecca sempre nell’ultimo passaggio. Ma, d’altronde, chiedergli di fare anche il rifinitore sarebbe davvero troppo.

L'attaccante Aldo Marino

Celentano 6: Gioca a sprazzi, ma quando si accende fa viaggiare il pallone che è un piacere. In uno dei suoi guizzi si procura il calcio di punizione da cui poi nasce il capolavoro di Esposito.
Marino 8: Quando parte palla al piede è un’ira di Dio. Ha tanta forza che, potendo, si caricherebbe tre avversari sul groppone e li porterebbe a spasso in giro per il campo. A questo ci si aggiunga la freddezza sotto porta che gli regala una giornata da ricordare, con una tripletta arrivata nonostante il dolore al piede che lo affligge da tempo.
Esposito V. 7: Mago Esposito colpisce ancora. Da calcio piazzato, la sua specialità. La parabola con cui inchioda Schember è da vedere e rivedere fino alla noia (dal 33’ s.t. Terminiello s.v.: Entra quando la partita è già bella che decisa).
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!