Autosport Sorrento: Premiazione Italian Radical Trophy 2010

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Castellammare di Stabia – Si è svolta nell’incantevole scenario dello Yacht Club “Marina di Stabia” la premiazione dell’Italian Radical Trophy 2010 alla presenza di Paul Dujon e Will Brown, giunti dalla Gran Bretagna in rappresentanza della Radical Sportcars. Nel corso della manifestazioni sono stati consegnati i riconoscimenti ai piloti nostrani che si sono distinti nel corso della stagione agonistica 2010.
Al termine del primo anno dell’Italian Radical Trophy, organizzato in modo impeccabile dall’Autosport Sorrento, si sono tirate le somme dell’anno trascorso in giro per lo stivale e poste le basi per quello che sarà la nuova edizione del trofeo in veste 2011.
Presenti Gianluca Marotta ed Ezio Sisti in rappresentanza rispettivamente degli autodromi di Franciacorta e Magione si è esplicato in cosa consisterà il trofeo “Speed”.
La nuova iniziativa,  in cui i driver si sfideranno in circuito, promossa come sempre dall’Autosport Sorrento si articlerà in sei appuntamenti in pista.
Premiati i tanti driver presenti alla serata, ma una menzione particolare va fatta per Oronzo Pezzolla, componente del Comitato Esecutivo della CSAI, premiato significativamente in apertura come primo pilota “nostrano” ad aver creduto nella “Radical-philosophy”.
Sugli scudi Pietro Giordano, che ha riportato il maggior numero di vittorie nelle gare disputate dalle vetture Radical in pista, Salvatore Venanzio, trionfatore nella serie “Club” e miglior conduttore “Under 30” del Trofeo, e l’inseparabile coppia Domenico De Franco-Umberto Berardi, classificatisi ai primi due posti nell’I.R.T. “Top”, i quali hanno sommato le rispettive Coppe CSAI di classe nel Campionato Italiano Velocità Montagna, e che, sempre in coppia, “riscuoteranno” il più ambito dei premi messi in palio dal Promoter della serie, consistente nella partecipazione a una gara all’estero al volante di una vettura ufficiale Radical.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!