La Apd sogna il Marano la sveglia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Marano – Partita a senso unico e con un’unica squadra pervenuta in quel di Marano. Il Sant’Agnello rimane con la testa ancora a letto. Primi due parziali in cui le ragazze di Celentano non sono state capaci di giocare come sanno o almeno non ci hanno neppure provato. Difesa e attacco pari allo zero. La ricezione poi è stata disastrosa non consentendo alla squadra costiera di imbastire un attaco degno di nota. I punti inanellati dalle biancoblu santanellesi sono arrivati solo grazie a qualche ace ed errori delle avversarie.
Il terzo parziale inizia in linea con i primi due set, tanti errori e poco costrutto sino al 15-11. Scatto d’orgoglio per la De Caro e compagne che si portano sul primo vantaggio del match 15-19. Un nuovo black out però spegneva ogni velleità delle peninsulari che perdevano per 25-20.
Il tecnico stigmatizza l’atteggiamento delle sue atlete che non sono state in grado di giocare contro il Marano.
«Cosa dire di questa partita, una battuta d’arresto dopo 5 vittorie consecutive ci può stare – commenta Celentano -. Il mio

Il tecnico Morgan Celentano

 rammarico è che abbiamo perso senza nemmeno tentare di giocare, non abbiamo lottato, con la testa non ci siamo mai andati a Marano».
Il secondo posto è andato proprio alle avversarie del Marano che intascano tre punti e piazzamento in classifica e si mettono alle spalle le costiere.
«Abbiamo perso il secondo posto proprio a discapito del Marano – continua il tecnico -. Ora non ci resta che  lavorare sodo per la prossima delicata sfida casalinga contro l’Arzano».
Contro le arzanesi nel girone di andata la Apd incassò l’unica sconfitta, ma Morgan teme il contraccolpo post sconfitta e le assenze di alcune ragazze.
«L’Arzano è l’unica squadra che ci ha battuto nel girone di andata, – conclude Celentano – dovremo anche sopperire alle assenze di Fusco, Soldatini e Palomba, ma chi le sostituirà sono certo che darà il 100%».

Ca0pionato di Seconda Divisione
Marano – Sant’Agnello  3-0
(25-13;  25-13; 25-20)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!