Con onore la Penisola cede al Casapulla

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Casapulla – Si fanno sentire le due settimane di inattività in palestra per la formazione bianconera della Penisola Basket. Contro il forte Casapulla con un rooster ridotto a sole sei unità i ragazzi di coach Savarese lottano alla pari per un tempo.
Alla fine il gap è di 25 punti, ma almeno nella prima parte di gara la squadra condotta da capitan Esposito ci prova a renderla dura alla seconda della classe.
Come sempre unapartita intensa, guai se così non fosse, ma già al termine del primo quarto, quando il gap è di soli sei punti, la Penisola Basket aveva speso tutto quello che poteva. Nel secondo quarto, poi, un crollo fisico permette al Casapulla di spiccare il volo verso la vittoria finale. Si è rivista una squadra che ha provato a divertire e divertirsi secondo i sani valori dello sport, lo spirito giusto con il quale affrontare i momenti di difficoltà.
« Al termine del match nessuno, ieri, era rammaricato – commenta Savarese – perchè la Penisola, al cospetto del più quotato
Casapulla non ha sfigurato anzi nel primo quarto ha messo in seria difficoltà la compagine locale».
Più gioco di squadra e meno individualità con questo leit-motiv i bianconeri hanno cercato di imbrigliare i padroni di casa.
«Trame di gioco tessute molto bene – continua Savarese – .Si è visto dopo tanto tempo una squadra che ha giocato insieme aiutandosi nei momenti di difficoltà e coinvolgendo tutti».
Dopo il grande sforzo profuso nel primo quarto, i costieri erano colpiti da un calo vertiginoso e il secondo parziale si chiudeva con un passivo pesante.
« Ci abbiamo provato – conclude il coach costiero – e così faremo sino alla fine del campionato quando sarà la matematica a condannarci».

Campionato Serie D maschile Poule Retrocessione
CASAPULLA -PENISOLA 72-47
(21-15; 42-24; 56-31)
CASAPULLA:  DE LUCIA 1, LOMBARDI 4, D’AIELLO 14, VENTRIGLIA 11, NAPOLETANO 2, CARPINELLI 12, OLIVETTI 17, DI LORENZO 5, LINO L 0, LINO G. 6.
PENISOLA: DE GENNARO 2, COLLETTO 2, VENERANDO 8, CARUSO 17, GARGIULO 0, ESPOSITO 18.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!