Sorrento, sconfitta di misura a Cava per gli Allievi nazionali

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Al ‘Desiderio’ di Pregiato il Sorrento esce sconfitto di misura dallo scontro al vertice contro la Cavese. I ragazzi allenati da Antonio Raiola recriminano per l’arbitraggio a senso unico del signor Formato di Benevento, che poco prima della mezz’ora, su segnalazione del secondo assistente, assegna ai padroni di casa un calcio di rigore molto discutibile, realizzato poi dal centrocampista Sorrentino.
L’allenatore rossonero, che deve fare a meno dello squalificato Di Franco e dell’infortunato Costabile, ripropone il 4-3-3 sperimentato nella vittoriosa gara casalinga con l’Avellino, con capitan Gargiulo in attacco supportato dalle ali Nicolai e Rubicondo.
Le prime battute del match scorrono sul filo dell’equilibrio. A spezzare l’iniziale monotonia ci prova al 16’ Sorrentino che su calcio piazzato da posizione defilata trova la deviazione della barriera, Lombardo è spiazzato, ma il pallone si spegne di poco sul fondo. Il Sorrento prova a rispondere, ma deve fare i conti con una sensibile difficoltà nell’imbastire manovre di gioco soddisfacenti: Raffone e Siano, infatti, sono in giornata no, soffrono la fisicità del centrocampo metelliano e non possono far altro che affidarsi a lanci lunghi per Gargiulo che, stretto nella morsa formata da Iannicelli e Iannelli, si sbatte, ma a vuoto. L’unica volta che i rossoneri si rendono realmente pericolosi è al 25’ con un tiro dalla distanza di Federico, sul quale De Luca blocca in due tempi. Un minuto dopo, l’episodio che scatena le ira dei ragazzi in maglia rossonera: sulla corsia di destra Russo S. e Terminiello ingaggiano un duello spalla contro spalla, l’esterno della Cavese, dopo aver ormai perso il pallone, si lascia cadere e trae in inganno l’assistente Cangiano che segnala il fallo ed induce così l’arbitro ad assegnare la massima punizione, trasformata da Sorrentino. Il gol subìto affossa ancora di più il morale della compagine rossonera che al 37’ rischia anche di subire il raddoppio ad opera di Pellegrino che, in torsione, di testa, manda di un soffio alto un cross dalla sinistra di Pellegrino.
Anche all’inizio della seconda frazione di gioco la musica non cambia. Al primo affondo, infatti, dopo neanche sessanta secondi, i classe 1994 di Maranzano rischiano di nuovo di pervenire al raddoppio: stavolta, però, è Pellegrino che di testa non trova lo specchio della porta su assist di Russo S. L’andazzo dell’incontro cambia leggermente a metà ripresa, quando il Sorrento ha l’occasione più ghiotta dell’intera partita: sugli sviluppi di una palla sporcata dalla deviazione di un difensore metelliano, Nicolai si ritrova al centro area a tu per tu con De Luca, ma invece di centrare per l’accorrente Federico prova un’improbabile conclusione che si spegne sul fondo. Al 69’, poi, il Sorrento rimane in dieci per il secondo giallo a Federico, ma riesce comunque a rendersi pericoloso, stavolta sugli sviluppo di un calcio di punizione di Raffone che a cinque minuti dallo scadere del tempo regolamentare impegna De Luca in angolo. Nel finale, la seconda espulsione per i rossoneri (fuori Nicolai, anche lui per doppia ammonizione) spegne definitivamente le velleità di rimonta costiere e consegna i tre punti alla Cavese che accorcia così le distanze dal Sorrento, lontano adesso solamente tre lunghezze.
CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI – GIRONE G
VENTUNESIMA GIORNATA
CAVESE – SORRENTO 1-0
Marcatore: 27’ p.t. rig. Sorrentino (C)
CAVESE (4-3-3): De Luca; Fierro (dal 33’ s.t. Mastellone), Iannicelli, Iannelli, Corduas; De Rosa, Sorrentino, Russo I; Russo S. Pellegrino (dal 39’ s.t. Coronella), Gioia (dal 27’ s.t. Anastasio). A disposizione: Caso, Varriale, Perra, Salzano. Allenatore: Livio Maranzano.
SORRENTO (4-3-3): Lombardo; Romano, Raiola, Siniscalchi, Terminiello (dal 30’ s.t. Cuomo); Federico, Raffone, Siano; Rubicondo (dal 33’ s.t. Suriel), Gargiulo, Nicolai. A disposizione: Balestrieri, Cretella, Iovino, D’Auria, Cappiello. Allenatore: Antonio Raiola.
Arbitro: Paolo Formato di Benevento (Del Papato/Caggiano)
Ammoniti: De Rosa (C), Iannicelli (C), Gioia (C), Mastellone (C)
Espulsi: al 29’ s.t. Federico (S) e al 36’ s.t. Nicolai (S) per doppia ammonizione
Calci d’angolo: 4-3
Recuperi: 0’ primo tempo, 4’ secondo tempo.
Note: Giornata nuvolosa, temperatura mite, terreno di gioco in erba sintetica. Presenti circa 150 spettatori.
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!