Panetto:”Con Gioia possiamo vincere”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto Luigi Parlato

Sorrento – La vittoria dello scorso turno contro la Kerakoll Catania ha avvicinato sempre di più la quota salvezza per la Msc Volley, che contro Gioia del Colle potrebbe riuscire a ottenere un risultato utilissimo per gli obiettivi che la società si è preposta a inizio anno, ovvero il mantenimento della categoria.
La squadra pugliese è stata completamente rivoluzionata rispetto alla gara di andata, gli uomini del presidente Lippolis hanno invertito la rotta intascando punti importanti per la salvezza, ma il palleggiatore della MSC Volley, Filippo Panetto,  è convinto delle possibilità dela squadra.
«Gioia è una buona squadra – commenta Panetto -. Si è molto rinforzata nell’ultimo mercato, ma ha esperienza da vendere».
 La svolta per il team di mister Giuseppe Spinelli è arrivata quando la dirigenza ha messo a disposizione del proprio tecnico il contributo di esperienza e bravura del palleggiatore Lapacciana, lo scorso anno in questo girone con la maglia di Chieti e che, come ormai tutti sapranno, in estate aveva già firmato con l’MSC Crociere prima di rifiutare il trasferimento per problemi personali che lo avevano indotto, almeno temporaneamente, a lasciare il volley giocato. Accanto al bravo Lapacciana ci sono comunque una serie di elementi molto validi e sicuramente capaci di poter guidare Gioia fuori dalla zona retrocessione: parliamo, ad esempio, dell’opposto Cannistrà, classe ’87 cresciuto nel vivaio della Tonno Callipo Vibo Valentia con la quale vanta anche una stagione, quella scorsa, in A1; ci sono poi i due centrali Giuseppe Barbone, ex Perugia, e Alberto Minenna, vecchia conoscenza del volley campano per aver indossato nelle ultime stagioni anche le maglie di Sparanise e Avellino. Rispetto all’andata mancherà il martello salernitano Danilo Gallotta che a dicembre ha lasciato la squadra pugliese.

Filippo Panetto

«Conosco bene Barbone per averci giocato insieme- dice Filippo -. Però sono una squadra che comunque vanta un passato in A e ci sarà da stare attenti».
Il palleggiatore e regista della compagine costiera sta curando un fastidioso problema al collo e non sa se riuscirà a essere in campo per il delicato match contro i pugliesi, ma resta fiducioso.
«Mi sono allenato poco in questo periodo – conclude Panetto -. Resto a disposizione del mister, ma Miccio sta dando il suo contributo, se giochiamo come all’andata possiamo farcela. L’importante è restare concentrati».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!