Finale di Coppa Campania: Vico Equense-Atletico Irno 2-0

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Santa Maria Capua Vetere – Vince il Vico, ma la gara si veste di giallo a metà della seconda frazione quando Bartiromo viene espulso dal signor D’Ambrosio. Sarà errore tecnico?
Molto agonismo e poco spettacolo per la finale di Coppa Campania di Prima Categoria tra Vico Equense e Atletico Irno. Costieri in formazione rimaneggiata, salernitani al completo.
Il vantaggio – Al primo affondo i padroni di casa passano in vantaggio. È il quarto di gioco quando Lucarelli si accentra dalla destra e con il sinistro mette al palla in fondo al sacco.Sembra poter avere vita facile la formazione biancorossa peninsulare che al minuto 11 impegna Rossi. Cross di Conte, testa di Izzo, para in due tempi il portiere dell’Atletico.
I salernitani potrebbero pareggiare al minuto 27. De Stefano mette in profondità per D’Antonio, ma Napolitano è provvidenziale e para d’istinto.
La gara scorre via senza sussulti, i granata ci provano su calcio piazzato, ma le conclusioni sono sempre rimpallate dai difensori del Vico. Dopo due minuti di recupero il signor D’Ambrosio manda tutti sotto la doccia.
Nel secondo tempo i salernitani provano a venir fuori e agguantare il pari. Il campo rende difficile il gioco e la difesa costiera controlla tutte le iniziative dei ragazzi di Imperato.
La gara scorre via senza sussulti, i granata ci provano su calcio piazzato, ma le conclusioni sono sempre rimpallate dai difensori del Vico.
L’Atletico Irno gestisce la palla, prova a verticalizzare, ma gli spazi sono ridotti e Napolitano non deve intervenire sino al minuto 22. Punizione dai trenta metri D’Antonio calcia forte e il portiere costiero blocca in due tempi.
L’episodio – A metà della prima frazione la Coppa prende decisamente la strada della costiera. Bartiromo commette fallo su Scarica e D’Ambrosio lo ammonisce, ma tra lo stupore generale espelle il centrocampista granata per doppia ammonizione anche se Bartiromo non compare nell’elenco degli atelti già ammoniti. Nasce un parapiglia che viene sedato dopo due minuti di proteste.
Si riprende e in svantaggio di un uomo e di una rete l’Atletico Irno ci prova con Pisapia. Il difensore si libera di due uomini e dal limite lascia partire un destro che si perde di un soffio sul fondo.
Le ripartenze dei costieri fanno male, ma il Vico non ha il killer instict e Lucarelli tutto solo davanti a Rossi gli consegna la palla.
L’attacante D’Antonio si fa vedere in chiusura, salta due uomini e dagli undici metri calcia, incredibilmente, alle stelle.
Dal pareggio al raddoppio – Nell’ultimo dei sei minuti di recupero Izzo va via sul filo del fuorigioco, salta il portiere che gli sposta la palla, interviene il neo entrato Cuomo che mette realizza il 2-0.

Finale di Coppa Campania Prima Categoria “Trofeo Fabio Russo”
Vico Equense-Atletico Irno    2-0(1-0)

Vico Equense: Napolitano 6.5, Conte 6, La Monica  6.5, Scarica 6, Del Sorbo 7, Scala 7, Lucarelli 6.5 (49’st Cuomo ), Cappiello 6, Izzo 6, Ruggiero 5.5 (14’st Aruta 6), Costantino 5 (1’st Servillo 6 ). A disposizione: Pacifico, Cardone, Palumbo,Germano.
Allenatore: sig. De Simone 6.5
Atletico Irno: Rossi 6, Pisapia 6, Polichetti 5.5 (35’st Bianco sv), Delle Donne 5, Bartiromo 5, Della Porta 6, Del Regno 5 (9’st Vitolo 5.5), Cuccurullo 5, D’Antonio 5.5 (31’st Masulo sv), Pietropaolo 6, De Stefano 5.5. A disposizione: Rocco, Laiso, Vitolo, D’Auria, Mauro, Calabrese.
Allenatore: sig. Imperato 6
Arbitro: D’Ambrosio di Frattamaggiore 6
Marcatori: 4’pt Lucarelli (Ve), 51’st Cuomo (VE)
Note: Terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 200 circa. Ammoniti: Conte, Scarica, Lucarelli, Polichetti, Bartiromo, Pietropaolo, Servillo. Espulsi: Delle Donne. Corner: 2-3 per il Vico Equense. Recupero: 2’pt, 6’st. Consegnata alla famiglia di Fabio Russo, a cui è intitolato il trofeo, una targa ricordo.  

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!