Laudano-Esposito a rischio squalifica

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Due anni di squalifica: è la pena che rischiano Riccardo Laudano (Pasta Rummo) e Giovanni Esposito (Team Cavaliere Calcagni), squalificati al termine della sesta edizione del Giro della Costiera. I due ciclisti, giunti rispettivamente primo e secondo sul traguardo finale di Meta, non si sono infatti presentati ai controlli antidoping disposti dalla direzione di gara. I due sono già stati sospesi dai rispettivi team e deferiti alla procura Antidoping del Coni, dinanzi alla quale potranno far valere le proprie ragioni. Qualora la procura dovesse ritenere insufficienti le spiegazioni fornite da Laudano ed Esposito, i due potrebbero essere squalificati per due anni. Le norme antidoping, infatti, equiparano la mancata sottoposizione ai controlli alla positività vera e propria, comminando appunto una squalifica di due anni. Intanto, Giovanni Esposito si difende: «Non mi sono presentato al controllo perché ricoverato all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Sorrento, dove sono rimasto fino a tarda sera – ha detto – Già durante la gara, infatti, ho accusato un malore che mi ha spinto poi a recarmi in ospedale per gli opportuni accertamenti». Per Esposito, dunque, si è trattato di un semplice disguido: «Sono sicuro che la situazione si chiarirà e si risolverà al più presto». Nel frattempo, Clemente Cavaliere, ex professionista e presidente del team per il quale gareggia Esposito, ha deciso di sciogliere la squadra. Cavaliere, tuttavia, sembra lasciare le porte aperte al suo atleta di punta: «Prendo le distanze dal comportamento di Giovanni Esposito, anche se sono convinto che riuscirà a chiarire la sua posizione. Quando avrà dimostrato la sua innocenza, potrà rientrare senz’altro nel gruppo». 

 

Ciriaco M. Viggiano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



5 thoughts on “Laudano-Esposito a rischio squalifica

  1. abbate antonio

    I ciclisti che non si sono presentati al controllo e che pertanto rischiano due anni di squalifica sono tre. A Laudano e Esposito bisogna aggiungere anche il metese Mario Pastore del Team Ciclismo Sorrentino giunto sesto all’arrivo.

    1. Jose Astarita Posta autore

      Antonio so ache anche Pastore non si è presentato all’antidoping. Ma a podio sono finiti gli altri due

      1. joecicco

        condivido la tesi di A, Abbate sono 3 gli atleti che non si sono presentati al controllo Laudano, Esposito e anche Pastore finito 7 in classifica e quindi e bene che negli articoli venga anche lui citato cosi da rendere pubblica a tutti il cattivo comportamento tenuto domenica mattina, a proposito verso le 11.45 è venuta una signora a dire che il Pastore non si sarebbe presentato……bhà comunque la figura di m….. resta!!!!!

  2. abbate antonio

    Si ma la squalifica di due ani vale per tutti e tre. Anzi secondo un esperto, il giornalista Eugenio Capodacqua di Repubblica, rischiano pure quegli altri tre che si sono presentati al controllo in netto ritardo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!