Aponte:”Spero nella B”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Aponte tra Franco Ronzi, a sinistra, l'ex arbitro Carlo Longhi e il presidente Mario Gambardella (Foto Franco Romano)

Sorrento – L’aveva detto nel giorno della presentazione il suo braccio destro Franco Ronzi, amministratore delegato di Msc, l’ha ribadito ieri, al campo Italia, il “comandate” Gianluigi Aponte patron della Msc main sponsor dei costieri «Speriamo di raggiungere la B». Un augurio, ma anche una dichiarazione forte in un momento delicato.
Saranno state le parole di Aponte ad accendere il jet Sorrento che nella ripresa ribalta un match che sembrava diretto verso Alessandria dopo uno sconcertante primo tempo.
In tribuna Aponte è tra il presidente Mario Gambardella e l’Ad di Msc Franco Ronzi. Nel corso dell’intervallo un gruppo di ultras della curva Nord ha voluto omaggiare il “comandante Gianluigi” con una targa ricordo. Un legame forte con la sua terra e l’auspicio di ritornare a Sorrento per festeggiare la promozione.
«Sono di Sorrento, legato visceralmente alla mia terra  – conclude il comadante -. E la squadra di calcio la seguo con simpatia e interesse: contento che il marchio Msc sia accanto in prima linea ad una realtà così positiva».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!