U17 M, la Fortitudo si arrende allo Stabia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Non riesce l’impresa alla Fortitudo under 17. Dopo la sconfitta a fil di sirena patita a Torre del Greco, Federico e compagni cedono il passo anche alla capolista Nuova Polisportiva Stabia, che espugna la tendostruttura della ‘Tasso’ e mette una seria ipoteca sulla leadership del girone. I ragazzi in casacca verde pagano un inizio del primo quarto da schiaffi, dove letteralmente regalano il match ai colleghi stabiesi.
Con il coach Mario Marino fermato all’ultimo istante da un attacco influenzale, sulla panchina, a sorpresa, per la seconda volta in stagione siede il quasi novantenne Nino Peraino, presidente della Fortitudo Basket Sorrenti. A dirigere i ragazzi costieri c’è, però, Marco Paolillo che, essendo sprovvisto del tesserino di allenatore, figura in referto come dirigente accompagnatore, ma, in realtà, da bordo campo detta ai ragazzi schemi e tattiche da usare. Resta comunque da sottolineare in panchina la presenza del presidentissimo della società cestistica sorrentina che, dall’alto della sua esperienza, dispensa consigli nei break dell’incontro.
Come detto precedentemente, la gara si decide tutta nei primi cinque minuti dell’incontro: la Fortitudo in campo non c’è, gli errori sono grossolani e gli stabiesi, partiti invece con il piede giusto, ne approfittano, piazzando un parziale di 4-20. La debacle iniziale non scoraggia però i ragazzi di Paolillo che a fine quarto si rimettono in partita, andando al riposo sul 15-23. Anche l’inizio del secondo quarto è terribile: lo Stabia a rimbalzo è più cattivo della Fortitudo, ha una buona difesa e fa tesoro degli errori dettati dalla fretta dei costieri, allungando a +11 il proprio vantaggio (17-28). Ancora verso la fine del quarto, però, c’è lo scatto d’orgoglio della Fortitudo che, complice tre doppie di fila di Di Maio ed un gioco da tre punti di Schettino, manda in visibilio il folto e caloroso pubblico della tendostruttura, chiudendo a -2 sul 31-33.
Dopo l’intervallo lungo il match scorre sul filo dell’equilibrio: la Fortitudo aggiusta i meccanismi difensivi ma vede essere fatali proprio gli ultimi scambi che premiano la capolista Stabia che chiude con un 45-52.
Nell’ultimo e decisivo quarto la posta in gioco è altissima, Federico e compagni sono vogliosi di ribaltare il match: in avvio, una tripla di De Martino sembra dare nuova linfa vitale alla Fortitudo che però è perseguitata dalla malasorte: una serie di tre canestri sfuma per un soffio, con la palla a spicchi che proprio non vuole saperne di entrare. La Fortitudo resta comunque in partita fino al 51-56, ma il passare dei minuti vede il nuovo e decisivo allungo dello Stabia che piazza un parziale di 7-0 e mette definitivamente la museruola ai tentativi di rimonta dei bianco verdi, costretti ad arrendersi sul 62-71.
Nel prossimo incontro, penultimo in calendario, i costieri saranno impegnati, mercoledì 2 marzo alle 20.30, al palazzetto comunale di Maddaloni, ospiti della Pallacanestro San Michele, settima in classifica con dodici punti

FORTITUDO BASKET SORRENTO – NUOVA POLISPORTIVA STABIA 62-71 (15-23, 31-33, 45-52)

FORTITUDO BASKET SORRENTO: De Martino 5, Federico 18, Schettino 10, Di Maio 17, Attanasio 5, Esposito 7, Mastellone, Milito Pagliara, Pane, Esposito. Allenatore: Marco Paolillo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!