Massa: Sogno o rammarico

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Massalubrense – Quinto posto in classifica, play-off a un passo e tanto rammarico per l’A.S.Massalubrense. Un campionato partito con tanti punti interrogativi dal nuovo mister, alla giovane squadra allestita in estate, senza dimenticare il problema Cerulli che dal 2011 ha costretto i nero azzurri alla trasferta quotidiana.
L’inizio – Partenza lampo della squadra della Città dell’olio che con un avvio molto positivo si trova primo in classifica a pari punti con la corazzata Savoia. La sconfitta con il Marilius Vesuvio è un incidente di percorso, ma la situazione si fa pericolante dopo la sconfitta a tavolino contro il Pompei che al Cerulli aveva lasciato le penne e i tre punti all’esordio.
Il momento attuale – Il Massa tra alti e bassi si è ritrovato a ridosso delle prime con il rammarico secondo il Dg Gargiulo di quello che poteva essere, ma non è stato.
«Di certo pensare per cosa eravamo partiti e dove siamo fa venire la pelle d’oca – commenta -. Ancora adesso penso alla gara con il Pompei dell’esordio e alla sconfitta contro la Puteolana, sognando potevamo essere secondi».
Manca solo la matematica alla squadra del presidente De Gregorio per festeggiare la salvezza, ma la voglia è quella di stupire ancora con una volata versione miglior Petacchi e raggiungere i play-off. Sull’argomento Mario Gargiulo è esplicito strizza l’occhio al calendario.
«Abbiamo tre gare in casa e una fuori nei prossimi quattro turni – sospira il Dg -. Le squadre sono tutte alla nostra portata spero solo che i ragazzi diano il meglio».
Il prossimo impegno vedrà la compagine costiera ospitare il pericolante Mondragone. I casertani sono con l’acqua alla gola, ultimi in classifica, un attacco asfittico che dovrà rischiare il tutto per tutto.
«Di certo, per quanto il Mondragone sia ultimo in graduatoria, non sarà una gara facile – conclude -. Ci sarà bisogno di una partita intensa per ottenere tre punti molto importanti in ottica futura». 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!