Simonelli: ‘Il Sorrento non è in crisi’

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Alla fine della gara contro il Como, il tecnico rossonero Gianni Simonelli commenta così la sconfitta dei suoi: ‘Possiamo e dobbiamo dare tutti qualcosa in più. Oggi sicuramente avremmo potuto fare meglio. Dopo il pareggio la squadra ha giocato con personalità, sfiorando anche il gol del vantaggio. Esposito ha preso il palo ma dopo poco si è beccato il secondo giallo: il calcio è fatto così. Non voglio commentare l’espulsione perché non sono abituato a parlare riguardo le decisioni dell’arbitro. Dico solo che rimanere in 10 uomini contro il Como vivace di oggi è stato davvero difficile. Non voglio aggrapparmi alla sfortuna, la malasorte non deve diventare un alibi. Potrei dire che l’autogol di Terra che è valso l’1-0 è l’ennesimo episodio sfortunato, potrei dire che siamo andati vicino al gol col palo di Esposito, potrei dire che l’inferiorità numerica è stata determinante, ma le cose non stanno tutte così. La verità è che la sconfitta è arrivata perché il Como ha giocato bene ed ha sfruttato con cinismo le occasioni che ha avuto. Il Sorrento è in crisi? Assolutamente no. Ho visto una squadra viva, che ha sempre lottato e che ha avuto anche l’occasione per pareggiare a pochi minuti dal termine. Il problema è che siamo rimasti troppo presto in dieci, e da quel momento in poi tutto è diventato più difficile, anche sotto il profilo psicologico. Adesso dobbiamo pensare a vivere alla giornata, così come abbiamo fatto sempre, senza pensare al Gubbio che è scappato. Adesso siamo in zona play-off e dobbiamo consolidare la nostra posizione, andando avanti con fiducia e determinazione.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!