Sant’Agnello – Libertas Angri, le pagelle del match

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Abbruzzese 6: Gli attaccanti della Libertas non hanno una mira buona, quindi è costretto a limitarsi all’ordinaria amministrazione che svolge con la solita autorità.
Bagnulo 6,5: Parte terzino, poi con l’uscita di Fiodo si sposta al centro della difesa, ma il risultato non cambia: sbarra la strada a chiunque capiti nel suo raggio d’azione.
Carotenuto 6: Molto meglio a destra che a sinistra. Dopo un inizio alquanto titubante, svolge i compiti difensivi con estrema diligenza. (dal 14’ s.t. Aiello 6: Si piazza in mediana e con la sua esperienza mette ordine nelle fasi concitate del match)
Gargiulo 6: Mastino del centrocampo, morde con continuità le caviglie degli avversari in possesso di palla. Nel momento di maggiore buio della squadra è l’unico che mantiene la calma e prova a scuotere i compagni.
Incarnato 6,5: O con le buone, o con le cattive, dalle sue parti non si passa.
Fiodo 6: Puntuale nelle chiusure, fa valere la sua decennale esperienza mettendo sempre la museruola all’avversario. Esce alla

Schettino, il match winner dell'incontro

mezz’ora, probabilmente per un risentimento muscolare (dal 30’ p.t. D’Esposito 6: Davanti a sé ha Falcone, il migliore della Libertas, ma nonostante ciò regge bene il confronto)

Criscuolo 5: Incappa nella classica giornata no. Gira sempre a vuoto senza mai creare apprensione alla difesa angrese.
De Stefano 6: Si sacrifica, e tanto, di conseguenza gli spunti in fase offensiva sono limitati. Nel secondo tempo passa a fare il terzino e non sfigura.
Vitale 6: Dopo un primo tempo anonimo, nella ripresa è l’unico che ha ancora fiato e riesce a impensierire la retroguardia ospite.
Schettino 6: La prima mezz’ora è da incubo, poi improvvisamente trova la carambola che vale l’1-0, prende fiducia ed il suo rendimento sale.
Fiorentino 6,5: Si sbatte come un dannato dal primo all’ultimo minuto, crea spazi e punta sulla velocità per mettere in difficoltà Parlato e Del Sorbo. Le conclusioni scarseggiano, anche perché i compagni non lo rifiniscono a dovere (dal 48’ s.t. Inserra V. s.v.)
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!