Sorrento, la Berretti soffre ma vince nel finale

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La Berretti rossonera (foto Franco Romano)

Un gol in chiusura di Pietrovito regala al Sorrento tre punti pesanti dopo il pareggio infrasettimanale colto a Milazzo nel recupero della quattordicesima giornata. Il jolly dell’esterno sinistro rossonero decide una partita equilibrata, giocata a viso aperto da entrambe le compagini.

Senza gli squalificati Buonocore, Vollono e Damiano, mister Bevilacqua è costretto a rivoluzionare l’assetto difensivo: accanto a Canciello ad agire da centrale c’è Ferrara, con il seniores Camorani sulla corsia di destra e Breglia sulla sinistra. Davanti, dopo il gol siglato in terra sicula, fiducia ancora a Schettino, che affianca il confermatissimo Mascolo. L’inizio di gara è ad appannaggio degli ospiti: al quarto d’ora Primaldi smarca Bonito che, lasciato solo sulla sinistra, calcia di prima intenzione, D’Alessandro in uscita bassa è super e sventa la minaccia. Un giro di lancette più tardi è ancora il Trapani a rendersi pericoloso, sempre sulla corsia di sinistra dove Camorani è in netta difficoltà: stavolta è Amico dopo un coast to coast ad accendere Bonito che dalla stessa posizione chiama ancora all’uscita bassa un pronto D’Alessandro. Il doppio pericolo scampato scuote i rossoneri che al 18’ si portano in vantaggio: Natale dalla destra crossa per Schettino che manca di un soffio la zuccata, Pietrovito ci crede e raccoglie il pallone dalla linea di fondo servendolo di prima intenzione a Mascolo che da posizione centrale, di sinistro, inchioda Giunta. Al 29’, però, è ancora la compagine siciliana a rendersi pericolosa, stavolta sugli sviluppi di un calcio piazzato, quando uno schema studiato a tavolino libera Amico in area di rigore, l’esterno trapanese è bravo a concludere in diagonale e a battere D’Alessandro, ma nello stesso tempo sfortunato a trovare sulla traiettoria Niang che libera in calcio d’angolo. Il ping-pong di emozioni che caratterizza il primo tempo si ripete al 33’ quando Cardore da calcio piazzato trova la testa di Canciello che però non inquadra la porta. Cinque minuti dopo è ancora il Sorrento a farsi vedere nella trequarti avversaria, stavolta con Breglia che dai trenta metri costringe Giunta alla presa in due tempi con una gran botta dei trenta metri. In chiusura di tempo (46’) il terzino rossonero si trova però protagonista dell’episodio da cui scaturisce il gol del pareggio ospite: Breglia, infatti, nel tentativo di chiudere su di un lancio lungo, scivola e lascia campo aperto a Gancitano che s’invola ed in area di rigore si fa atterrare da Ferrara, costringendo così il signor Romaniello ad assegnare la massima punizione, finalizzata, poi, dallo stesso Gancitano con un penalty perfetto.
La seconda frazione di gioco è meno spumeggiante della prima, il Trapani sembra accontentarsi del pareggio, chiude bene gli spazi e non consente agli uomini di Bevilacqua un fraseggio pulito. Lo spettacolo ne risente, con il Sorrento costretto ad affidarsi prevalentemente ai lanci lungi, che sono facili preda della difesa ospite. La prima occasione ghiotta capita al 64’ sui piedi di Pietrovito, il cui diagonale sfuma di un soffio a lato. Un minuto dopo si sveglia anche Natale, ma il suo tiro non prende il giro giusto e si spegne sul fondo. Il Trapani tenta il colpaccio al minuto settantuno: Turturici si beve in velocità Breglia e mette al centro per Scarantino che in spaccata non trova il bersaglio. L’assedio finale di Cardore e compagni si concretizza a due minuti dal termine: Natale dalla destra punta l’uomo e calcia verso la porta trovando una deviazione di un difensore trapanese che favorisce l’accorrente Pietrovito, freddo nel controllare il pallone ed infilarlo con un preciso diagonale alla destra di Giunta. Finisce così il match: dopo tanta sofferenza il Sorrento porta a casa i tre punti, in attesa del derby di sabato prossimo, sempre tra le mura amiche dello stadio ‘Italia’, contro gli eterni rivali della Juve Stabia degli ex Esposito e Panariello.

CAMPIONATO NAZIONALE ‘DANTE BERRETTI’ – GIRONE F
VENTUNESIMA GIORNATA
SORRENTO – TRAPANI 2-1
Marcatori: 18’ p.t. Mascolo (S), 47’ p.t. Gancitano (T), 43’ s.t. Pietrovito (S)
SORRENTO (4-4-2): D’Alessandro; Camorani, Ferrara, Canciello, Breglia; Natale (dal 45’ s.t. Iaccarino), Niang, Cardore, Pietrovito; Mascolo (dal 34’ s.t. Maresca), Schettino (dal 1’ s.t. De Giambattista). A disposizione: Alfieri, Chierchia, Balduccelli, Iannicella. Allenatore: Giuseppe Bevilacqua.
TRAPANI(4-2-3-1): Giunta; Turturici (dal 45’ s.t. Saverino), Conigliaro, Priola, Cusumano; Gancitano (dal 1’ s.t. Cangelosi), Vitale; Primaldi, Bonito, Amico; Sercia (dal 40’ p.t. Scarantino). A disposizione: Buscaino, Palazzolo, Morici, Paladino. Allenatore: Gabriele Mariano.
Arbitro: Giuseppe Romaniello di Napoli (D’Amore/Principe)
Ammoniti: Ferrara (S), Canciello (S), Camorani (S), Vitale (T)
Calci d’angolo: 2-3
Recuperi: 2’ primo tempo, 2’ secondo tempo.
Note: Giornata calda e soleggiata, terreno di gioco in erba sintetica. Presenti circa 50 spettatori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!