APD: Ancora vivo il sogno play-off

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Pozzuoli – Una gara dai due volti per la APD Carotenuto Sant’Agnello che nel delicato incontro di Pozzuoli trova due punti importanti per mantenere vivo il sogno play-off degli uomini di Pontecorvo e Cafiero. Due set regalati agli avversari e un ritorno prepotente nel finale consentono ai costieri di vincere in trasferta contro una squadra, il Pozzuoli, che ha massimizzato gli errori dei peninsulari. Assente il libero titolare Roberto Pollio e il palleggiatore Mattera, i tecnici costieri fanno di necessità virtù e modificano lo scacchiere tattico della Apd.
Nel primo set i biancoblu costieri non riescono a capitalizzare il vantaggio di quattro punti con cui vanno al secondo intervallo tecnico. Al rientro in campo i peninsulari subiscono un break pesante e il primo parziale arriva ai vantaggi dove ancora una volta gli errori degli ospiti si rivelano fondamentali consentendo ai padroni di casa di portarsi sull 1-0.
Subito il colpo, anche psicologico, della sconfitta nel primo parziale la Apd non riesce a riprendersi e sbaglia oltre i limiti consentendo agli avversari di scappare via e controllare agilmente il set che chiudono sul 25-19.
La riscossa dei santanellesi inizia nel terzo parziale quando migliora, leggermente, la ricezione e in attacco i martelli costieri passano con maggiore precisione. Il set è combattuto, ma questa volta gli uomini di Pontecorvo e Cafiero sono più attenti, commettono meno errori e chiudono 20-25.
Il quarto set è la copia carbone, a parti invertite, dell’andamento del secondo parziale. L’Apd parte forte e scava il break importante che permette ai bianco blu del presidente Carotenuto di chiudere 19-25.
Voglia e determinazione da parte di Sollo e compagni nell’ultimo e decisivo set. La squadra della Penisola Sorrentina ottiene il break e lo conserva con cura senza forzare giocando con intelligenza e spuntandola con un eloquente 11-15.
Sabato prossimo ei costieri riposeranno, mentre fra 15 giorni, a Napoli, contro il fanalino di coda Partenope non dovranno lasciarsi punti per strada e fare bottino pieno.

Pallavolo Pozzuoli – APD Carotenuto Sant’Agnello 2-3
(29-27; 25-19; 20-25; 19-25; 11-15)

Apd Carotenuto Sant’Agnello: Ruggiero G Carotenuto F Souza T Sollo M Savarese A Fusco C Marciano B Celentano M Russo Giovanni (libero).
 Allenatore: sig.ri S.Pontecorvo – A. Cafiero

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!