Il Molfetta passa in casa della MSC Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
La MSC Crociere tiene testa con onore alla vice capolista Molfetta, ma alla fine deve cedere l’intera posta in palio ai pugliesi, che al palazzetto dello sport di via Atigliana si impongono tre set a uno. I troppi errori in fase di ricezione, qualche disattenzione francamente evitabile e soprattutto le maggiori doti tecniche degli avversari decidono un match nelle prime battute equlibrato, ma che alla lunga ha visto predominare la maggior esperienza del pacchetto pugliese.
Il duo costiero formato da Luigi e Paolo Russo manda il campo il solito sestetto: la diagonale palleggiatore-opposto è formata da Panetto e Scialò, gli schiacciatori sono capitan Ricciardello e il brasiliano Costa, al centro della rete si posizionano Bassi e Cuccaro mentre Benedetto agisce da libero.
L’inizio del primo set è equilibrato, con le due compagini che rispondono punto su punto. Al primo tecnico, però, i pugliesi sono avanti 6-8. Il margine di due punti rimane invariato fino al 12-14, quando un errore in battuta di Ricciardello prima ed un attacco fuori misura di Costa consentono a Molfetta di allungare e portarsi sul 12-16. La MSC prova a riordinare le idee, Costa si prende la squadra sulle spalle e comincia a mettere giù palloni su palloni, ma il passivo rimane sempre invariato, sino al 16-20. Nel finale di set, poi, due muri pugliesi su Ricciardello e Bassi chiudono il set sul 17-25.
Il secondo break inizia in equilibrio come il primo, fatto salvo che al time out tecnico in vantaggio di 8-6 stavolta c’è la squadra costiera. Il vantaggio maturato, però, viene dilapidato in un batter d’occhio, tant’è che Molfetta si riporta sul 9-9. A questo punto Russo sostituisce Panetto con Miccio e la MSC si porta in vantaggio di tre lunghezze (13-10). Il nuovo ritorno dei pallavolisti pugliesi ferma il risultato sul 17-17, finchè a salire in cattedra questa volta ci pensa il capitano Ricciardello che porta i suoi sul 19-17. Nel finale, un attacco fulminante di Costa e due errori in battuta degli ospiti fissano il risultato sul 24-20, con Scialò che chiude il set con un ace.
L’inizio del terzo set, invece, è terrificante per i ragazzi in maglia bianca: Molfetta infatti si porta subito avanti 2-10 grazie ad una serie di errori difensivi grossolani di Benedetto, chiaramente in giornata no. Accusato il colpo, Costa prova a suonare la carica e con un paio dei suoi missili contribuisce a portare i suoi addirittura sull’8-11. La maggiore incisività dei pugliesi sotto rete fa però aumentare il passivo per i costieri che vedono gli avversari allungare a +6 (13-19), fino al definitivo +7 con la battuta vincente del rumeno Dradigi, che fissa il punteggio sul 18-25.
Sulle ali dell’entusiasmo De Luca e compagni partono a razzo anche nel quarto set, con un parziale consistente di sei punti, mantenuto fino all’11-17. Uno scatto d’orgoglio del sestetto della MSC tiene vivo il match, con Bassi che mette giù due punti d’oro che portano Sorrento a -3 da Molfetta sul 16-19. Ancora Bassi tiene a bada il tentativo di fuga degli avversari (17-21), poi Cuccaro prima e Costa poi murano due attacchi laterali dell’opposto pugliese stabilendo il parziale di 20-22. Gli ultimi palloni, quelli che scottano di più, vengono giocati con saggezza da Molfetta che tiene a bada il tentativo di rientro dei costieri e vince set e match grazie ad un muro fuori misura di Scialò che fissa il risultato sul 23-25.

SORRENTO MSC CROCIERE NA – PALLAVOLO MOLFETTA BA 1-3 (17-25, 25-20, 18-25, 23-25)

SORRENTO MSC CROCIERE NA: Ricciardello, Costa, Bassi, Cuccaro, Scialò, Panetto, Benedetto; Esposito, Astarita F. Astarita M. Lauro, Miccio. I° allenatore: Luigi Russo. II° allenatore: Paolo Russo.

PALLAVOLO MOLFETTA BA: Bacca, De Luca, Delvecchio, Di Bello, Dradigi, Fiorillo, Parisi, Piccioni, Ran, Squeo, Valente, Bisci. Allenatore: Giuseppe Lorizio

I° arbitro: Marco Colucci di Matera II° arbitro: Michele Labriola di Potenza

Durata set: 22’ 26’ 24’ 28’  Totale: 1h40’

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!