Derby: il post partita. Le società

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

il presidente del Sant'Agnello Alberto Negri

Sorrento – Vince il Massa, si rammarica il Sant’Agnello. Questi gli stati d’animo del Dg massese Mario Gargiulo e del presidente del Sant’Agnello Alberto Negri al termine di una gara bella e intensa che i neroazzurri hanno vinto grazie a una prodezza di Vincenzo Esposito e alle parate di Paolo Fiorentino. Per i santanellesi il rammarico di non aver tramutato in gol quanto creato e di aver fallito il rigore del pari con Vincenzo Gargiulo, alto.

«Abbiamo vinto  meglio così – esordisce il Dg lubrense -. Alla fine il pari sarebbe stato più giusto anche perchè Fiorentino è stato tra i migliori e alcuni suoi interventi sono stati determinati per la nostra vittoria».
Nel Massalubrense manca in extremis il bomber praianense Marino allettato dall’influenza e Miniero fa di necessità virtù. Dentro un centrocampista in più, mentre a  dare manforte ad Aiello ci pensa un ispirato Esposito.
«Abbiamo accusato molto l’assenza di Aldo – commenta Gargiulo -. L’attaccante è una pedina molto importante nello scacchiere tattico di mister Miniero».
Sul fronte classifica nulla cambia, il Massa si avvicina alla quota salvezza il Sant’Agnello avrà ancora da lavorare.

Il Dg del Massalubrense Mario Gargiulo

«Pensare a quanti punti gettati nel corso del campionato fa male – conclude Gargiulo -. Oggi abbiamo fatto un passo importante verso l’obiettivo stagionale che si chiama salvezza».

Il presidente Negri è contento per quanto fatto vedere dai suoi uomini, ma recrimina sul risultato per l’ennesima volta in campionato.
«Non possiamo perdere gare in questo modo – attacca -. Anche oggi, come già in passato, siamo stati puniti da un episodio sfortunato. Abbiamo fatto la partita, ma non portiamo a casa punti».
Come in serie A anche il massimo dirigente santanellese forse ripensa alla campagna acquisti estiva quando la neopromossa non ha coperto a dovere il reparto offensivo.
«creiamo tante palle goal, ma in avanti siamo poco prolifici – continua -. Non voglio gettare la croce sugli attaccanti, ma c’è bisogno dei loro goal per raggiiungere la salvezza».«»

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!