Derby: il post partita. I giocatori

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto tratta da www.calciomassa.com

Sorrento – Consolida la sua posizione il Massalubrense di Paolo Fiorentino, oggi fra i migliori, che con i tre punti conquistati nel derby fa un passo importante verso la salvezza. A inizio stagione la rosa neroazzurra contava su pochi atleti esperti e un nutrito gruppo di under che ben sta figurando nella categoria trovandosi a un passo dalla zona play-off.

«E’ stato il solito derby -sintetizza il portiere massese -. Una gara accesa, ma corretta nella quale tutti tenevano a fare bene».
Il Massa reduce dalla scottante sconfitta di Pozzuoli ha dato un segnale di risveglio importante in vista del finale di campionato.
«Ci siamo riscattati dopo la debacle della scorsa settimana contro la Puteolana – continua -. La voglia di fare bene era tanta anche in virtù della sconfitta dell’andata, abbiamo vinto e ne siamo felici».
Forse il migliore tra i suoi il portiere si schernisce e candida Vincenzo Esposito, autore del gol partita, per la palma di migliore in campo.
«Ho fatto solo il mio dovere – conclude -. Ma credo che Esposito sia stato determinate per noi non solo per il goal che ha realizzato, ma anche per la gara che ha disputato».

Tanto rammarico è quello che resta a Giuseppe Carotenuto, difensore classe ’90 del Sant’Agnello, che è uscito anzitempo a causa di una brutta distorsione.
«Purtroppo non ho retto al dolore – dice -. Ho chiesto il cambio perchè il dolore si era fatto troppo forte, ma stavo giocando bene

Giuseppe Carotenuto difensore del Sant'Agnello

 come tutta la squadra».
Anche per il giovane santanellese si è trattata di una bella gara.
«Un derby a cui non sono mancate le emozioni quello che abbiamo disputato oggi – conclude -. Abbiamo giocato e perso una gara incredibile decisa da un calcio di punizone, mentre noi abbiamo dilapidato molte occasioni».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!