Promozione speciale derby. I tecnici

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Piano di Sorrento – Il derby è sempre una gara dal sapore particolare, dopo aver ascoltato i giocatori, le società, oggi è la volta dei due tecnici Miniero e Ponticorvo che ci presentano l’appuntamento di sabato pomeriggio all’Italia.

Con che spirito la squadra arriva al match?

Miniero «Con grande voglia di riscatto – esordisce il tecnico neroazzurro -. Abbiamo giocato una pessima gara contro la Puteolana e c’è la voglia anche di rifarci dopo la sconfitta nella gara di andata contro il Sant’Agnello».
Ponticorvo «Abbiamo alcuni infortunati, tra cui Guarracino che credo non sarà della gara – dice l’allenatore santanellese -. In modo positivo comunque. sono contento in particolar modo delle prestazioni dei ragazzi under che ho in prima squadra».

La sola parola derby impone delle motivazioni in più. Che gara sarà?

Miniero «Rispetto alla gara di andata abbiamo perso Cappiello e inserito Tufano e Guitto due elementi di esperienza – commenta Gaetano -. In mediana è cambiato qualcosa, ma restiamo un ottimo gruppo. Il derby è una gara a se dalla storia particolare. Nessuna stracittadina è uguale alle altre».
Ponticorvo «Sarà di certo una gara combattuta e accesa -spiega Michele -. Tutti ci tengono a fare bene dagli atleti alle società. Credo che il Massa avrà dalla sua anche una grande voglia di riscatto dopo la sconfitta dell’andata».

Il Massalubrense e il Sant’Agnello spiegate dai due tecnici.

Miniero «Una buona squadra ben messa in campo – dice l’allenatore massese -. Sono esperti e hanno giocatori importanti».
Ponticorvo «Il Massa dalla cintola in su fa paura – esclama il trainer peninsulare -. Dobbiamo fare una gara attenta ed evitare gli errori».

Chi toglieresti agli avversari?

Miniero «E’ difficile fare una scelta – conclude Miniero -. Hanno giocatori validissimi che possono impensierirci in qualunque momento».
Ponticorvo «Nessuno – risponde deciso Michele -. Sono dell’avviso che è più bello giocare contro avversari che possono essere al compelto perchè c’è anche più gusto nel batterli».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!