Promozione speciale derby. Le società

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Piano di Sorrento – Diminuiscono i gironi aumenta l’ansia e sale la tensione per il derbyssimo di Promozione fra Massalubrene e Sant’Agnello. Le due squadre arrivano all’atteso confronto vogliose di intascare i tre punti messi in palio dal match, ma consapevoli della forza dei rispettivi avversari. Protagonisti della nostra intervista doppia il Dg massese Mario Gargiulo e il presidente santanellese Alberto Negri.

Con che spirito vi apprestate all’incontro di domenica?

Il Direttore generale del Massalubrense Mario Gargiulo

Gargiulo «Abbiamo voglia di riscatto dopo la pessima prestazione contro la Puteolana – dice -. Nello scorso week-end non ci siamo espressi al meglio, quindi vogliamo rifarci».
Negri  «Con molta tranquillità – dice -. La partita va’ preparata bene e credo sia fondamentale che i ragazzi scendano in campo con tanta voglia di vincere, perchè sono sicuro che anche il Massa Lubrense avrà questa mentalità e di sicuro non farà sconti».

Che gara sarà il derby sabato prossimo?

Gargiulo « E’ una gara particolare e per tale motivo sarà molto difficile – continua -. Cercheremo di riscattarci dopo la sconfitta dell’andata, ma la cosa principale è che vorrei un derby bello dentro e fuori dal campo senza strascichi e polemiche».
Negri «Sul campo sarà sicuramente una partita maschia, ma nonostante ciò spero resti corretta – commenta -. Mi auguro inoltre che l’arbitro chiamato a dirigere l’incontro mantenga una linea coerente, sia nel bene che nel male. A prescindere dal risultato sono sicuro che i buoni rapporti esistenti tra le società non saranno mutati».

Quale elemento teme di più nella squadra avversaria?

Il presidente del Sant'Agnello Alberto Negri

Gargiulo « Di certo priverei il Sant’Agnello di De Stefano -afferma il Dg -. Ma gli avversari sono una squadra compatta difficile da Affrontare per chiunque».
Negri «L’attaccante Aldo Marino – dichiara Negri -. E’ un ottimo giocatore, tant’è che in passato ho fatto di tutto per portarlo a Sant’Agnello. Attualmente un calciatore con le sue caratteristiche manca nella rosa a disposizione di mister Ponticorvo».

A dieci gare dal termine qual è il reale obiettivo della squadra?

Gargiulo «Dico salvezza – conclude -. Perché nel corso del campionato abbiamo buttato via diversi punti, spero di arrivare a quota 38 quanto prima per non avere problemi e mantenere la categoria».
Negri  «Dobbiamo assolutamente salvarci – sintetizza il presidente -. A breve termine bisogna raccogliere il maggior numero di punti possibili perchè tra qualche settimana saremo costretti ad affrontare tutte le prime della classe. Spero in un piazzamento a ridosso dei play-off che sarebbe un grande traguardo. Il prossimo anno?  Sarebbe fondamentale giocare in casa a  Sant’Agnello, per aspirare a qualcosa in più».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!