Swimming Sorrento game over

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto tratta da www.ulyssesorrento.com

Barra – Si ferma la corsa al vertice dello Swimming Sorrento di mister Izzo che alla Dennerlein di Barra cede contro il Cava con un perentorio 11-6. Gioca molto bene la squadra costiera per i primi due quarti, ma cede alla distanza contro avversari che chiudono la bocca di fuoco Gargiulo e rendono assolutamente innocui gli atleti sorrentini. Dopo tre vittorie consecutive lo stop contro una squadra tosta che aveva reso la vita difficile anche alla capolista Napoli.
Il tecnico Giovanni Izzo analizza la gara dei suoi ragazzi dopo la sconfitta, ma soprattutto dopo due quarti assolutamente inguardabili che consentono ai metelliani di ribaltare il passivo di 5-4 con cui si va a riposo dopo due quarti.
« La partita con il Cava non era facile – dice Izzo -. Eppure nei primi due quarti di gioco mi sembrava che tutto fosse a posto».
I ragazzi soprattutto nelle precedenti gare avevano retto bene alla distanza uscendo fuori, soprattutto, nelle battute finali come conferma lo stesso trainer costiero.
« Venivamo da tre gare giocate benissimo, ma all’improvviso qualcosa si è inceppato – continua -. Nella seconda parte non siamo riusciti a concretizzare nulla».
I demeriti dello Swimming finiscono dove iniziano i meriti del settebello metelliano.
« Il Cava ci conosce bene e ha bloccato lo sviluppo del nostro gioco – conclude Giovanni -.  Ha ingabbiato Ferdinando Gargiulo e quando abbiamo provato a rientrare in gara la partita aveva già preso una brutta piega ».
La prossima sfida della Swimming Sorrento è fissata martedì 15 febbraio alle 15.00 a Napoli con la Rari Nantes Napoli.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!