Kabbouri come da pronostico

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – Pronostici della vigilia rispettati: il tunisino Yassine Kabbouri si è aggiudicato la dodicesima edizione della MareMonti, la mezza maratona internazionale disputatasi ieri con partenza dalle terme di Castellammare ed arrivo a Sorrento. L’atleta della Polisportiva Libertas Catania si è imposto in 1:03:41, al termine di un lungo testa a testa col campano Gianluca Ricci del Montemiletto Team Runner. Il tunisino, però, non è riuscito nell’impresa di migliorare il record di 1:03:29 stabilito nel 2003 dal connazionale Abdelkebir Lamachi. Gara subito molto impegnativa, con Gianluca Ricci che tenta la carta della partenza ad alto ritmo. Sullo strappo di punta Scutolo, la svolta: Kabbouri alza il passo ed inizia a guadagnare quei secondi che gli consentiranno di arrivare da solo al traguardo di piazza Angelina Lauro. Alle sue spalle Gianluca Ricci, che chiude col tempo di 1:04:16, ed il ruandese Eric Sebahire dell’Atletica Gonnesa. Gara senza storia, invece, quella della categoria femminile: a trionfare è stata l’azzurra Deborah Toniolo della Forestale, che ha fatto corsa a sé vincendo comodamente in 1:15:45. Secondo posto per Annamaria Vanacore dell’Atletica Scafati, frenata da fastidi fisici che l’hanno costretta più volte a rallentare, ed Annamaria Caso della Bartolo Longo. Massiccia la partecipazione dei master, che si sono presentati in 1500 ai nastri di partenza, richiamati dalla splendida giornata di sole e dalla presenza dell’olimpionico Stefano Baldini nelle vesti di testimonial della kermesse.

 

Ciriaco M. Viggiano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!