Vince la Puteolana, il Massa non c’è

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Pozzuoli – Un Massalubrense irriconoscibile esce gistamente sconfitto contro una volitiva Puteolana 1909 al termine di un match che i padroni di casa hanno condotto dall’inizio alla fine. Non si riesce a capire come i neroazzurri di mister Miniero abbiano affrontato l’impegno esterno. troppo brutti per essere veri con la testa completamente fuori dal campo.
Un goal per tempo e tutti a casa. I granata volevano vincere per mantenere viva la classifica nei bassifondi e provare a raggiungere la penultima piazza in classifica per agguantare almeno gli spareggi di fine campionato.
Partono forte i padroni di casa che dopo appena quattro minuti colpiscono una clamorosa traversa. Il Massa non si scuote anzi si spegne e dopo un minuto viene trafitto da Mangiapia N. Se il Massa avesse affrontato la gara con piglio diverso di certo avrebbe reagito, ma in tutta la gara sono solo due le conclusioni degne di nota verso la porta dei puteolani.
Una conclusione di Prestigiovanni sembra deviata con il braccio, ma il Dg Gargiulo non trova attenuanti: «Rigore o no, oggi non siamo neppure scesi in campo, per cui è inutile recriminare». Ci tenta anche bomber Aiello, ma questa volta le polveri sono bagnate e il tiro dell’attaccante costiero termina alto.
Il Massa nella ripresa viene punito a quindici minuti dalla fine da Nasti che pone la parola fine su una gara mai in discussione.
Gargiulo è rassegnato al termine del match. «La voglia di vincere della Puteolana ha fatto la differenza – conclude -. Vogliono evitare la retrocessione e sono consapevoli che possono costruirla in casa. Noi siamo stati una vittima sacrificale».

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!