La MSC Crociere cede, con onore, alla capolista Atripalda

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
La MSC Crociere di patron Guido Evangelista esce a testa alta dalla palestra della scuola ‘Adamo’ di Atripalda, dove contro la capolista Sidigas deve cedere, non prima di aver venduto cara la pelle, 3 set a 1.
Partiti con il giusto piglio e trascinati da un Costa in versione super, i ragazzi allenati da Luigi Russo dominano il primo set, mantenendo costantemente quattro lunghezze di vantaggio sugli avversari, sino al 16-12. Nel finale, poi, il ruggito di Atripalda porta il match sul 22 pari, salvo poi vedere di nuovo la formazione costiera in vantaggio 24-23. Nel momento cruciale, però, una clamorosa leggerezza di Astarita. che lascia trascorrere gli otto secondi dal fischio dell’arbitro, commettendo così fallo, regala un punto agli irpini che, galvanizzati, chiudono successivamente il set sul 27-25.
Il secondo gioco, invece, è a completo appannaggio dei padroni di casa che mettono sul campo le loro migliori qualità e vincono 25-18. Sotto 2-0 in casa della capolista, Costa e compagni riescono a trovare nuova linfa vitale e sfoderano una prestazione da urlo, piegando gli avversari nel terzo set con il risultato di 25-23. Nel quarto periodo l’atteso arrembaggio degli ospiti non c’è, gli uomini di Russo alzano definitivamente bandiera bianca sul 25-16, che regala ad Atripalda set e partita.
A fine incontro, niente drammi in casa Sorrento. Resta, anzi, la soddisfazione di aver dato filo da torcere, sul proprio campo, alla capolista Atripalda, sempre più accreditata alla vittoria finale del campionato. E, intanto, il filotto terribile non si conclude: dopo Corigliano e Atripalda, per gli atleti costieri domenica prossima, questa volta tra le mura amiche del palazzetto di via Atigliana, c’è la Pallavolo Molfetta, seconda forza del girone, in un test impegnativo che saggerà definitivamente le velleità dei costieri.
SIDIGAS ATRIPALDA AV – SORRENTO MSC CROCIERE NA 3-1 (27-25, 25-18, 23-25, 25-16)
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!