Tutto pronto per il Giro della Costiera

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Meno di un mese all’inizio della stagione ciclistica amatoriale in Campania. Come consuetudine, anche quest’anno, aprirà le danze il Giro della Costiera, giunto quest’anno alla sesta edizione.
La gara, organizzata dal Velosport Sorrentino e dall’US Acli Ciclismo Campania, è in programma domenica 27 febbraio con partenza e arrivo in Piazza Vittorio Veneto a Meta dopo circa 100 km di gara, che avranno come scenario delle fasi decisive la splendida costiera amalfitana.
Prevista la partecipazione di almeno 300 ciclisti provenienti da tutto il meridione. Il percorso è, a grandi linee, identico a quello della passata edizione. Una volta lasciata Meta ad andatura turistica il gruppone proseguirà lungo la statale sorrentina in direzione Castellammare. Giunti nei pressi dell’ospedale San Leonardo si devierà sulla strada costiera andando ad intercettare la statale 18 nei pressi della foce del fiume Sarno. Si attraverseranno quindi i comuni di Pompei, Scafati, Angri, Pagani e Nocera.
Le prime azioni importanti si avranno sul falsopiano che porta a Cava de’ Tirreni.
Poi la corsa si tufferà verso Vietri e, una volta giunti in costiera amalfitana, cominceranno le prime salite importanti. Capo d’Orso, il breve strappo di Minori e la salita che segue il passaggio da Amalfi selezioneranno il plotone riducendo drasticamente il lotto dei pretendenti alla vittoria.
Dopo il passaggio da Praiano, che non dovrebbe produrre ulteriore selezione, si affronteranno le ultime due salite, quella da Positano bassa alla Madonnina, e quella da Tordigliano ai Colli di San Pietro, dove la corsa entrerà nel vivo, selezionando gli uomini che andranno a giocarsi la vittoria.
Lo scorso anno la gara ebbe come vincitore l’iridato Antonio Marotti che precedette di pochi secondi il santanellese Giampiero Esposito e il tricolore Antonio Valletta. I tre facevano parte di un drappello di sei unità che aveva preso il largo nella discesa da Capo d’Orso a Maiori e che si era selezionato ulteriormente lungo l’ultima salita. Marotti e Valletta avevano poi approfittato della superiorità numerica per costringere alla resa Giampiero Esposito lasciandogli il contentino della seconda piazza.
Quest’anno i principali favoriti saranno gli atleti del Team Cavaliere Calcagni che annovera tra le proprie fila Francesco Fiorenza, Carmine Galletta, Giampiero Esposito e Antonio Marotti e che si giocheranno la vittoria con gli atleti del Team Letizia e del Team D’Aniello. Tra i locali gli unici che possono inserirsi nella lotta per il successo sono l’eterno Roberto Pepe e il giovane Raffaele Cinque già trionfatore nella prima gara del 2011 la Cronoscalata Positano Montepertuso.
di Antonio Abbate
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!