Mercato di A, povero a metà

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Foto tratta da calciomercato.it

Non si è chiusa coi fuochi d’artificio la sessione di mercato invernale per la serie A, ma quelli nessuno (o quasi) se li aspettava. Qualche scoppiettio, tuttavia, c’è stato.
Bene l’Inter che, con quattro mesi di ritardo, riempie il vuoto lasciato da Balotelli con un bomber di razza: Pazzini. I nerazzurri concludono una buona operazione anche per la fascia sinistra: arriva il promettente giapponese Nagatomo e al Cesena va Santon; scambio che ha il sapore di bocciatura per il baby lanciato da Mourinho.
Anche il Milan esce rinforzato dal mercato invernale: Cassano sembra intendersi alla perfezione con Ibra e può far respirare Pato, i cui muscoli ancora una volta sembrano troppo fragili per reggere una stagione intera. Potrà rivelarsi utile anche Van Bommel, mentre desta perplessità l’acquisto di Emanuelsson: l’ex promessa dell’Ajax è davvero tanto meglio di Antonini? E’ davvero adatto al gioco di Massimiliano Allegri? Si vedrà. Si rinforza il Napoli con la promessa Ruiz e con Mascara, che potrà finalmente far tirare il fiato a Cavani, Lavezzi e Hamsik. Sembrerebbe che il club azzurro si sia assicurato anche Inler per giugno: operazione eccellente. Sanno ancora una volta d’improvvisazione le mosse della Juventus: si infortuna Quagliarella e arriva Toni, gratis per non intaccare il bilancio, si infortuna anche Toni e il bilancio viene intaccato per portare in bianconero Matri: prestito oneroso a 2,5 milioni di euro, con diritto di riscatto a 15,5.
Il club torinese a giugno dovrà esercitare il riscatto anche per Quagliarella e Aquilani: con circa 40 milioni da versare si prospetta un mercato estivo sottotono per Marotta. Sarebbe vitale, per le casse del club, ottenere la qualificazione in Champion’s…allo stato attuale un puro miraggio.
Se Amauri romperà il suo ormai annuale digiuno di goal non lo farà in maglia bianconera: è passato al Parma.
 Alla luce di tutti gli acquisti, dunque, non sembra esserci stato, per nessuna squadra, il colpo che da una svolta al proprio campionato, sorprese permettendo.

Cristiano Vella

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!