Una Polisportiva tutto cuore cede al Family

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – In una gara in cui l’arbitraggio lascia tutti scontenti sia le vincitrici sia le vinte, le bianco rosse costiere escono a testa alta dal match perso contro le casertane del Family basket.
Quaranta minuti da combattimento per le atlete a referto che provano con le buone e con le cattive a raccogliere l’intera posta in palio. Nei primi dieci minuti di gara la compagine di casa lotta punto a punto con le avversarie e all’intervallo breve si trova a un solo possesso di distanza dalle bianco nere di Sacco.
Nel secondo periodo, che le due squadre terminano sul 12 pari, si capisce che la lotta per prevalere sarà durissima. Sotto i tabelloni si sgomita parecchio, ma gli arbitri lasciano correre fischiando spesso per compensazione fra le proteste dei tifosi di casa e di quelli ospiti. Allo scadere la Di Palma suona la carica, ma il distacco di tre punti maturato nella prima frazione non varia e si va all’intervallo lungo.
Dopo la pausa le ragazze di casa provano ad accorciare le distanze riescono a mettere alle corde la formazione ospite che più smaliziata riesce, nei momenti topici del match, a tenere le peninsulari a debita distanza. Il tempo si assottiglia e la voglia di impattare per le biancorosse, purtroppo, non porta i frutti sperati, anzi alcune conclusioni forzate consentono alle avversarie di essere sempre in vantaggio.
Nell’ultimo quarto avanti di quattro le casertane amministrano il gioco cercando di non forzare nulla e mettendo pressione alle padrone di casa che ribattono colpo su colpo con una buona intensità difensiva cercando soluzioni semplici, anche se alcuni tiri da tre non sembrano essere la soluzione migliore. Nel finale di gara la truppa di Sacco scava il gap decisivo e l’ultimo tiro della disperazione rende solo meno amara la sconfitta.

Polisportiva Sorrento – ASD Family basket 62-66
(13-16, 25-28, 41-45)

Polisportiva Sorrento : Apreda, Esposito, Longo, Lazzazara, Di Palma, Acampora, Cacace, Brancaccio, Negri, Russo.
ASD Family basket: Della Valle, Biccardi, Migliore, Pasquariello, De Sapio, Argentieri, Palacios, Pedata, Venosa, Tavilla.
Allenatore: sig. Sacco
Arbitri: sig.ri Scognamiglio di San Gennaro Vesuviano e Savarese di S.Anastasia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!