Serie D: Sconfitta da incubo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Cesinali (Av) – Incredibile partita in terra avellinese per la APD Carotenuto di Serie D femminile. In trasferta la squadra  dei trainer Pontecorvo – Cafiero parte forte e si spegne sul più bello regalando due punti alle avversarie al termine di una gara assolutamente combattuta.
Primi due set di netta marca bianco azzurra con le ragazze costiere che con caparbietà e sicurezza riescono a gestire meglio i momenti delicati del match chiudendo sempre sul filo di lana i rispettivi parziali. Il libero della compagine santanellese Savarese D è oltremodo efficace in ricezione con percentuali oltre il 60%. Ottimo anche l’impatto sulla gara della schiacciatrice Espinosa che entrata dalla panchina contribuisce in maniera determinate a portare a casa i primi due parziali che si chiudono con i punteggi di 23-25 e 21-25.
Dopo due set pressochè perfetti la compagine costiera si blocca, troppi errori e distrazioni permettono alla Pallavolo Cesinali di vincere il terzo set in maniera facile facile e ribaltare l’andamento del match. Il terzo parziale si chiude sul 25-13 per le avellinesi. La gara cambia. Le padrone di casa si fanno più intraprendenti e sicure dei propri mezzi rendendo ogni punto molto tirato e la contesa elettrizzante. Le costiere subiscono il ritorno delle avversarie in un modo incredibile. Come nei primi due parziali la calma e la tranquillità delle ragazze di Pontecorvo e Cafiero si erano rivelate determinanti, così nel quarto set, giocato punto a punto, gli errori delle biancoazzurre spianano la strada alle padrone di casa che si impongono per 25-23.
Il tie-break nel volley equivale ai rigori nel calcio e la formazione dell’APD Carotenuto dimostra di avere il braccino del tennista. Infatti, avanti 8-4 all’intervallo tecnico, a capitan Di Leva e compagne si spegne improvvisamente la luce. Un break importante piazzato dal Cesinali consente alle padrone di casa di chiudere set e partita sul 15-12.

Pallavolo Cesinali – APD Carotenuto Sant’Agnello 3-2
(23-25, 21-25, 25-13, 25,23, 15,12)

APD Carotenuto: Iaccarino G, Iaccarino P, Tondo L, Savarese F, Savarese F, Espinosa, Russo, Esposito, Di Leva, Cuomo.
Allenatori: sig.ri Pontecorvo – Cafiero

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!